John Drake

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Drake
Dati biografici
Nome John Alan Drake
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 183 cm
Peso 99 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Ritirato 1987
Carriera
Attività provinciale
1981-87 Auckland 85 (?)
Attività di club¹
1982-85 Viola.svg Bourg-en-Bresse
Attività da giocatore internazionale
1986-87 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 8 (4)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1987

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 3 dicembre 2013

John Alan Drake (Auckland, 22 gennaio 1959Mount Maunganui, 13 dicembre 2008) è stato un rugbista a 15 e giornalista neozelandese, pilone, campione del mondo 1987 con gli All Blacks e, dopo la fine della carriera agonistica, attivo come commentatore e notista sportivo televisivo.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto rugbisticamente all'Auckland Grammar School[1], Drake emerse relativamente tardi a livello nazionale: fu infatti prelevato dalla provincia rugbistica di Auckland solo a circa vent'anni, quando già frequentava la locale università e militava nella relativa squadra di rugby, senza essere mai passato preventivamente per le varie selezioni nazionali studentesche e giovanili[1].

Nel 1981 esordì nel campionato nazionale provinciale e tra il 1982 e il 1985 disputò la stagione invernale nell'emisfero Nord in Francia a Bourg-en-Bresse[2][3]; nel novembre 1986, a quasi 28 anni, debuttò negli All Blacks a Tolosa contro la Francia; con solo due test match alle spalle fu incluso nella rosa alla Coppa del Mondo di rugby 1987 che la Nuova Zelanda ospitava, e della quale fu alla fine vincitore; Drake disputò cinque delle sei partite del torneo, esclusa quella di apertura contro l'Italia. Disputò il suo ultimo test match nella Bledisloe Cup di quello stesso anno contro l'Australia e finita la stagione con Auckland si ritirò dalle competizioni per intraprendere la carriera di giornalista e commentatore sportivo[4], tenendo anche una rubrica fissa come columnist del New Zealand Herald [1].

Nella sua nuova veste rivelò anche retroscena umoristici: dopo la finale della Coppa del Mondo, vinta 29-9 contro la Francia, lui e il suo avversario Serge Blanco decisero di donare le loro cravatte a due giovani sostenitori; questo comportò che entrambi, tuttavia, furono esclusi dal party celebrativo del post-incontro perché il rigido protocollo dell'epoca prevedeva che tutti vestissero la cravatta[4]; lui e Blanco decisero quindi di festeggiare separatamente con una bottiglia di vino rosso nella cucina adiacente al salone delle feste[4]. In un'altra occasione, durante un terzo tempo che faceva seguito a un'accesa partita tra due squadre della provincia di Auckland, quando fu chiesta ad alcuni giocatori la causa delle loro numerose ferite e lividi, la risposta di Drake fu: «Fitzy (Sean Fitzpatrick). Si era convinto che io fossi il pallone e non c'è stato verso di persuaderlo del contrario»[1].

Il 13 dicembre 2008, a poco meno di un mese dal suo cinquantesimo compleanno, John Drake fu ucciso da un attacco cardiaco[1] mentre stava lavando la sua automobile[3]. In sua memoria, nel 2011 alcuni ex giocatori del Bourg-en-Bresse visitarono in Nuova Zelanda i suoi ex compagni di Nazionale e la vedova[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Paul Lewis, Drakey, a prop ahead of his time, in The New Zealand Herald, 14 dicembre 2008. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) John Drake, Hey, plucky Portugal… I like the way you move, in The New Zealand Herald, 17 settembre 2007. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  3. ^ a b c (FR) Yves Billet, Des Bressans en Nouvelle-Zélande en hommage à John Drake, in le Dauphiné libéré (Grenoble), 15 ottobre 2011. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  4. ^ a b c (EN) Keith Quinn, '87 All Blacks, where are they now? - Forwards, in TV New Zealand, 24 agosto 2011. URL consultato il 29 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]