Jacqueline de Longwy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disegno del 1550 ca, opera di François Clouet

Jacqueline de Longwy (1520(prima del) – Parigi, 28 agosto 1561) duchessa di Montpensier per via del proprio matrimonio, fu una nobile francese nipote, seppure per via illegittima, di Francesco I di Francia. Fu la prima moglie di Luigi III di Montpensier, da cui ebbe diversi figli fra cui Carlotta di Borbone-Montpensier, che sposò Guglielmo I d'Orange. Quale membro preminente della casa di Valois fu spesso presente alle cerimonie e alle funzioni di corte..

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Jacqueline de Longwy nacque in data parzialmente imprecisata poiché essa si colloca senza maggior precisione prima del 1520 da Jean IV de Longwy, Signore di Givry (morto 1520) e Jeanne d'Angoulême che era sorella illegittima di Francesco I di Francia perché nata da una relazione del loro padre Carlo di Valois-Angoulême con l'amante Antoinette de Polignac[1]. Jacqueline aveva due sorelle maggiori, Françoise de Longwy (1510circa-dopo il 14 aprile 1561) che andò in sposa a Philippe de Chabot, Ammiraglio di Francia e in seconde nozze sposò invece Jacques de Perusse da cui ebbe un figlio, il cardinale Anne de Perusse d'Escars de Giury, mentre l'altra sorella Claude di Longwy divenne badessa presso l'Abbazia di Notre-Dame de Jouarre. Suo zio per parte di padre era il cardinale francese Claude de Longwy de Givry. Nel 1538 Jacqueline si sposò con Luigi III di Montpensier, che solo alla morte della madre Luisa di Borbone-Montpensier avvenuta il 5 luglio 1561 ereditò il titolo di Duca di Montpensier. In occasione delle loro nozze la suocera recuperò, per volere di Francesco I, diversi dei possedimenti che aveva perduto nel 1523 quando suo fratello Carlo III di Borbone-Montpensier s'era alleato con Carlo V d'Asburgo sollevando le ire reali. Fra i possedimenti recuperati c'erano le contee di Forez, Beaujeu e Dombes. Insieme Jacqueline e Luigi ebbero sei figli, un maschio e cinque femmine:

Alla morte della madre, avvenuta in un lasso di tempo che va dal 1531 al 1537, Jacqueline divenne suo jure contessa di Bar-sur-Seine, mentre i possedimenti paterni erano passati alla sorella maggiore Françoise alla morte del padre anni prima. Nel 1543 il Delfinato dell'Alvernia venne ridato a Luigi e Jacqueline divenne quindi Delfina d'Alvernia e in quello stesso anno, insieme ad altri rappresentanti della famiglia fu presente a corte per il battesimo del nipote di Francesco I, Francesco di Valois. Nel 1547 Francesco I morì e venne succeduto dal figlio Enrico II di Francia, nel 1556 invece fu chiamata insieme a Diana di Poitiers, per volere della regina Caterina de' Medici a giudicare il caso di una giovane donna della famiglia reale che rimase incinta fuori dal matrimonio mentre era fidanzata altrove. Tre anni dopo Enrico II morì in seguito a un incidente durante un torneo e Jacqueline e il marito assistettero all'incoronazione del piccolo Francesco II di Francia e della sua giovane moglie Maria Stuarda. Poco dopo essere diventata Duchessa di Montpensier Jacqueline morì il 28 agosto 1561. Suo marito in seguito sposò Catherine di Lorena, figlia di Francesco I di Guisa e Anna d'Este, questo secondo matrimonio restò senza figli. Attraverso la figlia Carlotta Jacqueline fu la progenitrice del Casato di Hannover che regnò in Gran Bretagna dal 1714 al 1901 e in generale anche dell'attuale Famiglia reale britannica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R.J. Knecht, Francis I, (Cambridge University Press, 1982)