Francesco I di Guisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco I di Guisa
Francois de Lorraine.JPG
Francesco I di Lorena
NascitaBar-le-Duc, 24 febbraio 1519
MorteOrléans, 18 febbraio 1563
Cause della mortecolpo di pistola
ReligioneReligione cattolica
Dati militari
Paese servitoRoyal Standard of the King of France.svg Regno di Francia
Guerre
Battaglie
Fonti nel testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Francesco I di Lorena, secondo duca di Guisa (1550), conte e poi duca d'Aumale e pari di Francia, marchese di Mayenne, barone e poi principe di Joinville, gran maestro di Francia (Bar-le-Duc, 24 febbraio 1519Orléans, 18 febbraio 1563), è stato un condottiero francese.

Guisa
Conti e duchi di Guisa
Armoiries ducs de Guise.svg

Claudio I (1528-1550)
Figli
  • Maria (1515 - 1560)
  • Francesco (1519 - 1563)
  • Luisa (1520 - 1542)
  • Renata (1522 - 1602)
  • Carlo (1524 - 1574)
  • Claudio (1526 - 1573)
  • Luigi (1527 - 1578)
  • Filippo (1529 - 1529)
  • Pietro (1530 - poco dopo)
  • Antonietta (1531 - 1561)
  • Francesco (1534 - 1563)
  • Renato (1536 - 1566)
Francesco I (1550-1563)
Figli
  • Enrico I (1550 - 1588)
  • Caterina Maria (1552 - 1596)
  • Carlo (1554 - 1611)
  • Luigi (1555 - 1588)
  • Antonio (1557 - 1560)
  • Francesco (1558 - 1573)
  • Massimiliano (1562 - 1567)
Enrico I (1563-1588)
Figli
  • Carlo I (1571 - 1640)
  • Caterina (1573 - 1573)
  • Luigi (1575 - 1621)
  • Carlo (1576)
  • Maria (1577 - 1582)
  • Claudio (1578 - 1657)
  • Caterina (1579)
  • Cristina (1580)
  • Francesco (1581 - 1582)
  • Renata (1585 - 1626)
  • Giovanna (1586 - 1638)
  • Luisa Margherita (1588 - 1631)
  • Francesco Alessandro (1589 - 1614)
Carlo I (1588-1640)
Figli
  • Francesco (1612 - 1639)
  • Enrico (1614 - 1664)
  • Maria (1615 - 1688)
  • Carlo Luigi (1618 - 1637)
  • Francesco Renato (1621 - 1682)
  • Luigi (1622 - 1654)
  • Ruggero (1624 - 1653)
Enrico II (1640-1664)
Luigi Giuseppe I (1664-1671)
Figli
Francesco Giuseppe (1671-1675)
Maria I (1675-1688)
Modifica

Era figlio primogenito maschio di Claudio I di Guisa (1496 – 1550) e di Antonia di Borbone-Vendôme (1493 – 1583).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco sposò il 29 aprile 1548 Anna d'Este, figlia di Ercole II d'Este, duca di Ferrara, duca di Modena e Reggio, e di Renata di Francia, figlia di Luigi XII.

Nel 1545 prese parte all'assedio di Boulogne contro gli inglesi nel corso della quale fu gravemente ferito, da cui il soprannome di "sfregiato". Comandante di grande audacia in guerra, fu nominato governatore di Metz da Enrico II e resistette vittoriosamente all'assedio della città portato da Carlo V, obbligandolo a levare l'assedio nel 1552. Lo sconfisse poi nella battaglia di Renty (1554). Fra il 1556 ed il 1557 fu a capo del corpo di spedizione francese in Italia che tentò invano di riprendere la città di Napoli agli spagnoli. Ritornato in Francia, fu nominato luogotenente generale del Regno e riprese Calais agli inglesi nel 1558.

Sotto il regno di Enrico II, il duca di Guisa formò con la sua famiglia un partito ostile ai Montmorency. La presa di Calais e le nozze della nipote Maria Stuarda con il delfino Francesco, avvenuto nel 1558, gli allontanarono momentaneamente il favore del re. Alla morte di Enrico II, il nuovo re Francesco II, gli affidò il governo. Francesco di Guisa ed il fratello, cardinale di Lorena, la vera testa politica della famiglia, divennero i capi del regno e la famiglia dei Guisa salì così all'apice della propria potenza. Fervente difensore del Cattolicesimo, Francesco di Guisa fece reprimere nel sangue la congiura di Amboise, segretamente sostenuta da Luigi I di Borbone-Condé.

La morte del re Francesco II, avvenuta nel dicembre 1560, tolse alla famiglia dei Guisa la leva del potere in Francia. Oppostosi violentemente alla politica della reggente Caterina de' Medici, accomodante verso gli ugonotti (è del gennaio dell'anno 1562 l'editto di Saint-Germain-en-Laye con il quale veniva concessa, con certi limiti, la libertà di culto pubblico a questi ultimi), provocò il 1º marzo dello stesso anno la strage di Wassy, nella Champagne che causò a sua volta il ricorso alle armi dei protestanti e la ripresa delle guerre di religione in Francia.

Battuti gli ugonotti nell'ottobre dello stesso anno nella battaglia di Rouen e in dicembre nella battaglia di Dreux, tentò di riconquistare Orléans quando il 18 febbraio 1563 fu ucciso da un colpo di pistola sparatogli da Jean de Poltrot de Méré, un influente capo protestante.

Fu Gran ciambellano di Francia (1551-1562) e gran cacciatore di Francia.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Francesco ed Anna d'Este ebbero sette figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico II di Vaudémont Antonio di Vaudémont  
 
Maria d'Harcourt  
Renato II di Lorena  
Iolanda d'Angiò Renato d'Angiò  
 
Isabella di Lorena  
Claudio I di Guisa  
Adolfo di Egmond Arnoldo di Gheldria  
 
Caterina di Clèves  
Filippina di Gheldria  
Caterina di Borbone Carlo I di Borbone  
 
Agnese di Borgogna  
Francesco I di Guisa  
Giovanni VIII di Borbone-Vendôme Luigi I di Borbone-Vendôme  
 
Giovanna di Monfort-Laval  
Francesco di Borbone-Vendôme  
Isabella di Beauvau Luigi di Beauvau  
 
Margherita di Chambeley  
Antonia di Borbone-Vendôme  
Pietro II di Lussemburgo-Saint-Pol Luigi di Lussemburgo-Saint-Pol  
 
Giovanna di Marle  
Maria di Lussemburgo  
Margherita di Savoia Ludovico di Savoia  
 
Anna di Lusignano  
 

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Francesco I di Guisa compare come personaggio nell'ultimo capitolo della trilogia di Ken Follett"La Colonna di Fuoco", romanzo del 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71488948 · ISNI (EN0000 0000 8151 3262 · LCCN (ENn88145436 · GND (DE10190505X · BNF (FRcb12459930r (data) · BNE (ESXX1733664 (data) · BAV (EN495/137082 · CERL cnp01344837 · WorldCat Identities (ENlccn-n88145436