Jérôme Pétion de Villeneuve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jérôme Pétion de Villeneuve
Jérôme Pétion de Villeneuve.jpg
Jérôme Pétion de Villeneuve.

Presidente della Convenzione nazionale della Prima Repubblica Francese
Durata mandato 20 settembre 1792 –
4 ottobre 1792
Predecessore Philippe Rühl
Successore Jean-François Delacroix

Presidente dell'Assemblea nazionale
Durata mandato settembre 1790 –
1791

Deputato alla Convenzione nazionale della Prima Repubblica Francese
Durata mandato 5 settembre 1791 –
4 ottobre 1792

Deputato agli Stati Generali
Durata mandato 20 marzo 1789 –
1789

Sindaco di Parigi
Durata mandato 14 novembre 1791 –
15 ottobre 1792
Predecessore Jean Sylvain Bailly
Successore Philibert Borie

Dati generali
Partito politico Giacobini
Gironda
Tendenza politica repubblicano - democratico
Titolo di studio Laurea in diritto
Professione Avvocato

Jérôme Pétion de Villeneuve (Chartres, 3 gennaio 1756Saint-Émilion, 18 giugno 1794) è stato un avvocato, rivoluzionario e politico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Jérôme Pétion, avvocato e giudice presidiale a Chartres, e di Marie-Élisabeth Le Tellier, studiò presso la Congrégation de l'Oratoire di Vendôme e poi a 18 anni presso un procuratore a Parigi prima di iscriversi al collegio degli avvocati di Chartres nel 1778. Deciso a farsi un nome nel campo della letteratura, partecipò a diversi premi pubblicando parecchi libri: Moyens proposés pour prévenir l'infanticide (1781), Les Lois civiles et l'administration de la justice ramenées à un ordre simple et uniforme, ou Réflexions morales, politiques, etc., etc., sur la manière de rendre la justice en France avec le plus de célérité et le moins de frais possible (1782), Essai sur le mariage considéré sous des rapports naturels, moraux et politiques, ou Moyens de faciliter et d'encourager les mariages en France (1785), oltre ad altri scritti consacrati alla riunione dell'Assemblée des notables e degli Stati Generali. Fu inoltre membro attivo de la Société de Amis des Noirs.

Avis aux François (esemplare della bibliothèque patrimoniale di Gray).

Eletto in data 20 marzo 1789 primo deputato del terzo stato di Chartres agli Stati Generali con 164 voti su 190 votanti, il seggio consentì al piccolo gruppo di patrioti l'ingresso all'Assemblea Nazionale Costituente, assieme a François Buzot e Maximilien de Robespierre, dei quali fu amico e con essi combatté per la democrazia: lottò contro il veto reale, le due camere proposte dai monarchici, il suffragio censuario (anche se non difese il suffragio universale, esigette il diritto di voto per tutti i cittadini attivi). Divenne uno dei capi dei Giacobini. Membro del comitato di revisione, entrò nel settembre 1790 nel comitato di costituzione, prima di essere eletto segretario e poi presidente dell'Assemblea.

Al momento della tentata fuga di Luigi XVI e della famiglia reale e del conseguente arresto a Varennes nel giugno 1791, egli appena nominato presidente del Tribunale criminale di Parigi (funzione che non esercitò mai), venne incaricato, con Barnave e Charles César de Fay de La Tour-Maubourg, del loro trasferimento a Parigi. Lasciò una memoria di questo episodio, in cui sostiene che "se fossimo stati soli Elisabetta si sarebbe abbandonata tra le mie braccia". Successivamente, si dichiarò favorevole alla sospensione dell'esecuzione di Luigi XVI.

In data 30 settembre 1791, alla seduta conclusiva dell'Assemblea, venne fatto segno, assieme a Robespierre, di un'ovazione da parte del popolo.

Intimamente legato a Madame de Genlis, ella lo accompagnò a Londra quando egli vi condusse tre allievi, e fra questi Adélaïde d'Orléans, nell'ottobre-novembre 1791.

Jérôme Pétion de Villeneuve.

Il 14 novembre 1791 venne eletto sindaco di Parigi battendo La Fayette con 6708 voti su 10.632 votanti, con l'appoggio della Cour, contro La Fayette. Il 20 giugno 1792, cercò di prevenire l'attacco alle Tuileries e agli appartamenti reali, ma venne accusato dal re e dal direttorio del Dipartimento, di aver incoraggiato e facilitato il tumulto con la sua mancanza di reazione all'invasione delle Tuileries. Il 6 luglio venne sospeso dal servizio dal dipartimento e sostituito da Philibert Borie, ma questo aumentò la sua popolarità e diverse fazioni si stavano armando per chiedere il suo ritorno, tanto che lui fu l'eroe delle celebrazioni del 14 luglio 1792. L'Assemblea legislativa decise di ripristinarlo nell'incarico. Il 3 agosto 1792 venne incaricato di portare le richieste dei commissari delle 48 sezioni che richiedevano la deposizione del re. Tuttavia, non partecipò alla giornata del 10 agosto 1792.

Venne confermato nella funzione di sindaco dalla Comune di Parigi ma perdette tutto il suo potere a fronte delle decisioni della sezione rivoluzionaria di Parigi. Non si oppose alle visite domiciliari e rimase totalmente passivo ai massacri di settembre. Il 6 settembre, dovette rendere conto degli avvenimenti davanti all'Assemblea.

Jérôme Petion de Villeneuve, Presidente della Convenzione, sindaco di Parigi nel 1791.

Eletto il 5 settembre deputato dell'Eure-et-Loir alla Convenzione Nazionale, terzo su 9 con 274 voti su 354 votanti, si dimise da sindaco e divenne il primo presidente all'apertura della sessione, il 20 settembre 1792.

A quel punto entrò in dissidio con Robespierre, con il quale ruppe all'inizio di novembre, e si alleò ai Girondini. Al momento del processo a Luigi XVI, votò l'appello al popolo e la sospensione della condanna a morte. Nella primavera del 1793 entrò in conflitto con la Comune di Parigi, il cui controllo sfuggì ai Girondini dopo le dimissioni di Chambon, accelerando la rottura tra Girondini e Montagnardi. Tuttavia, votò contro il processo a Marat.

Dopo le giornate del 31 maggio e 2 giugno 1793, venne emesso nei suoi confronti un ordine di cattura, ma riuscì ad evadere il 24 giugno e a raggiungere Caen con Guadet, dove tentò di sollevare la Normandia contro la Convenzione Nazionale. Dopo la battaglia di Brécourt del luglio 1793, si recò nel Finistère, da dove s'imbarcò per il dipartimento della Gironda (Bordeaux era già in insurrezione contro la Convenzione) con Buzot e Barbaroux, con i quali visse nascosto a Saint-Émilion, vicino a Bordeaux, per dieci mesi. Quando Salle e Guadet vennero arrestati nella casa del padre di Guadet[1], credendosi minacciato, lasciò di notte il suo asilo, presso il parrucchiere Troquart (dal quale si era rifugiato dal 20 gennaio), con Buzot e Barbaroux. Tuttavia, un pastore li vide in una pineta. Barbaroux cercò di uccidersi con un colpo di pistola, ma riuscì solo a ferirsi e venne preso (alla fine venne ghigliottinato il 25 giugno). Da parte loro, Petion e Buzot si addentrarono in un campo di grano e si suicidarono[2]. I loro cadaveri vennero trovati, ormai quasi divorati dai lupi, alcuni giorni più tardi[3][4][5].

Prima di questa sua ultima fuga, Pétion aveva lasciato a Madame Bouquey il manoscritto delle sue mémoires[6] e il suo testamento politico.

Il corpo di Jérôme Pétion de Villeneuve venne sepolto nel Cimitero di Saint Magne de Castillon.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Jérôme Pétion de Villeneuve è stato interpretato dall'attore Daniel Briquet nella miniserie televisiva La rivoluzione francese (1989).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Joseph Guadet, Les Girondins, leur vie privée, leur vie publique, leur proscription et leur mort, II, Paris, Librairie académique Didier et Cie, 1861, p. 489.
  2. ^ (FR) Charles Vatel, Charlotte de Corday et les girondins, III, Paris, Henri Plon, 1864-1872, p. 755.
  3. ^ Il processo verbale di riconoscimento è datato 7-8 messidoro anno II (25 giugno-26 giugno 1794), mentre l'atto di morte ed il processo verbale di inumazione portano la data dell'8 messidoro. Vedasi Les manuscrits relatifs à l'histoire de la Révolution et de l'Empire: dans les bibliothèques publiques des départements, Société de l'histoire de la Révolution française, Paris, F. Rieder, 1913, 452 pages, p. 148.
  4. ^ (FR) Selon Aurélien Vivie, Histoire de la Terreur à Bordeaux, II, Feret et fils, 1877, p. 286.
    «dans les premiers jours de juillet, des sans-culottes de Castillon, faisant une battue générale du côté de Saint-Magne, trouvèrent dans un champ les cadavres de Pétion et de Buzot».
  5. ^ Una cronaca molto dettagliata degli avvenimenti viene data da Charles-Aimé Dauban nel suo Étude sur Madame Roland et son temps suivie des lettres de Madame Roland à Buzot et d'autres documents inédits, chapitre XXXII: « Les derniers jours de Buzot », pp. 251-261.
  6. ^ Questo documento è stato oggetto di una edizione di Mémoires inédits de Pétion et mémoires de Buzot et de Barbaroux : accompagnés de notes inédites de Buzot et de nombreux documents inédits sur Barbaroux, Buzot, Brissot, etc. (preceduto da una introduzione di C.-A. Dauban), Paris, Plon, 1866, LXXVI-548 pages.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41947350 · ISNI (EN0000 0001 1628 4499 · LCCN (ENn87890849 · GND (DE124418236 · BNF (FRcb125126715 (data) · ULAN (EN500354250 · BAV ADV12265351 · CERL cnp00476793