It's My Life (No Doubt)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
It's My Life
It's my life.png
Screenshot del video
ArtistaNo Doubt
Tipo albumSingolo
Pubblicazione30 ottobre 2003
Durata3:45
Album di provenienzaThe Singles 1992-2003
GenereNew wave
Pop
EtichettaInterscope
ProduttoreNellee Hooper, No Doubt
Registrazione2003
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(vendite: 35 000+)
Dischi di platinoNorvegia Norvegia[2]
(vendite: 10 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 1 000 000+)
No Doubt - cronologia
Singolo precedente
(2003)
Singolo successivo
(2012)

It's My Life è un brano musicale del gruppo californiano No Doubt, cover del brano omonimo dei Talk Talk del 1984.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato pubblicato come singolo circa un mese prima della pubblicazione del primo greatest hits del gruppo, The Singles 1992-2003, pubblicato il 25 novembre 2003.

La canzone è stata prodotta dagli stessi No Doubt con Nellee Hooper, registrata da Karl Derfler e missata da Mark "Spike" Stent.

Il brano è stato in nomination ai Grammy Award nella categoria "Best Pop Performance by a Duo or Group with Vocal".

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video musicale è stato diretto da David LaChapelle.[4] Esso è ambientato negli anni trenta e vede protagonista Gwen Stefani, ritratta come una vedova nera, il cui look assomiglia a quello dell'attrice Jean Harlow. Gwen interpreta una donna che viene processata e condannata a morte per l'uccisione di tre uomini, interpretati dai tre componenti maschili del gruppo. La prima vittima, interpretata da Tom Dumont, muore avvelenata durante una cena; la seconda (Tony Kanal) viene investita dall'auto della donna; mentre la terza (Adrian Young) viene folgorata dopo che la donna butta il phon nella vasca da bagno in cui l'uomo si stava lavando. Il video si chiude mostrando i tre uomini che sono vivi, e che ridono della donna guardando il processo in televisione.

Il video si è aggiudicato due premi agli MTV Video Music Awards del 2004, nelle categorie "Best Pop" e "Best Group". Inoltre era in nomination anche nelle categorie "miglior regia", "miglior scenografia" e "miglior sceneggiatura".

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. It's My Life – 3:48
  2. Sunday Morning (live) – 4:49
  3. Rock Steady (live) – 5:53
  4. Bathwater (live) – 4:01

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Chart (2003)[5] Massima
posizione
Austrian Singles Chart 12
Belgian Singles Chart 11
German Singles Chart 9
Irish Singles Chart 6
UK Singles Chart 17
Chart (2004) Massima
posizione
Australian ARIA Singles Chart 7
Dutch Top 40 4
Italian Singles Chart 7
French Singles Chart 19
Swedish Singles Chart 4
Swiss Singles Chart 12
U.S. Billboard Hot 100 10
U.S. Billboard Top 40 Adult Recurrents 1
U.S. Billboard Hot Dance Music/Club Play 16
U.S. Billboard Adult Contemporary 20
U.S. Billboard Modern Rock Tracks 32

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Gabrial McNair – tastiere

Note[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock