Isole dell'Ammiragliato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ammiragliato.
Isole dell'Ammiragliato
Carta topografica delle Isole dell'Ammiragliato
Carta topografica delle Isole dell'Ammiragliato
Geografia fisica
Localizzazione Papua-Nuova Guinea
Coordinate 2°48′S 146°56′E / 2.8°S 146.933333°E-2.8; 146.933333Coordinate: 2°48′S 146°56′E / 2.8°S 146.933333°E-2.8; 146.933333
Arcipelago Arcipelago di Bismarck
Superficie 2100 km²
Numero isole 18
Isole principali Manus
Altitudine massima 718 m s.l.m.
Geografia politica
Provincia Manus
Distretto Manus
Centro principale Lorengau
Demografia
Abitanti 32.713
Cartografia
Karte Neuguinea.png
Mappa di localizzazione: Oceano Pacifico
Isole dell'Ammiragliato
LocationNewGuinea.png

[senza fonte]

voci di isole presenti su Wikipedia
Mappa di Papua Nuova Guinea. Le Isole dell'Ammiragliato sono l'area rosso scura in alto.

Le isole dell'Ammiragliato (inglese Admiralty Islands o Admiralties, in francese îles de l'Amirauté) sono un arcipelago situato nell'oceano Pacifico occidentale, nell'Oceania vicina, a nord della Nuova Guinea.

Queste isole costituiscono un gruppo di 18 isole dell'arcipelago Bismarck. Molte isole sono costituite da atolli disabitati. Sono anche chiamate isole Manus dal nome dell'isola principale (altitudine massima: 718 m - Monte Dremsel). Appena a sud dell'Equatore, la temperatura è stabile (30-32 °C di giorno e 20-24 °C di notte); le precipitazioni sono elevate: 3.382 mm.

Le isole formano la provincia di Manus dello Stato di Papua Nuova Guinea, con capoluogo Lorengau, sull'isola Manus. Superficie: 2.100 km² con 32.713 abitanti.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L’industria principale è rappresentata dalla coltivazione della noce di cocco e dalla pesca delle perle. Le isole sono conosciute anche quale sito per le immersioni per la vita marina molto colorata, per i relitti e le acque chiare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'uomo arrivò sulle isole circa 40.000 anni fa. La prima civiltà nota fu quella Lapita, estesa fino a Tonga e le Samoa, che fiorì approssimativamente dal 1500 a.C. al 100 d.C.

Le isole furono avvistate dallo spagnolo Alvaro de Saavedra nel 1528-1529. Il primo europeo a visitare le isole fu il navigatore olandese Willem Schouten nel 1616. Il nome fu dato dal capitano Philip Carteret della marina britannica nel 1767. Le isole divennero protettorato tedesco nel 1884.

All'inizio della prima guerra mondiale, esattamente nel novembre 1914, le isole furono occupate dall’Australia che dal 1920 ne ottenne il mandato da parte della Società delle Nazioni.

Durante la Seconda guerra mondiale, il 7 aprile 1942, queste isole furono occupate dalle forze dell'Impero giapponese, che stabilirono una piccola base sull'isola Manus, nei pressi del villaggio di Rossum. Furono riconquistate dal generale statunitense Douglas MacArthur, con l'operazione Brewer, il 29 febbraio 1944. Anche gli americani costruirono una grande base a Seeadler Harbour con un porto e una base aerea. Questa base, oggi abbandonata, costituì un'importante base per le successive operazioni militari in Nuova Guinea e nelle Filippine.

Nel 1949 le isole entrano a far parte del territorio di Papua New Guinea, territorio mandatario delle Nazioni Unite amministrato dall'Australia. Il 16 settembre 1975 Papua New Guinea ottiene l'indipendenza e con essa le Isole dell'Ammiragliato.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Centro di diffusione della cultura Lapita.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]