Isola di Palmaiola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola di Palmaiola
Palmaiola island - panorama.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mar Tirreno
Coordinate 42°51′58″N 10°28′30″E / 42.866111°N 10.475°E42.866111; 10.475Coordinate: 42°51′58″N 10°28′30″E / 42.866111°N 10.475°E42.866111; 10.475
Arcipelago Arcipelago Toscano
Superficie 0,08 km²
Altitudine massima 85 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Provincia Livorno Livorno
Comune Rio Marina-Stemma.png Rio Marina
Demografia
Abitanti 0
Cartografia
Arcipelago Toscano.png
Mappa di localizzazione: Toscana
Isola di Palmaiola
Isola di Palmaiola

[senza fonte]

voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

L'isola di Palmaiola (latino: Columbaria) è un'isola minore dell'arcipelago toscano.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Nel XIII secolo è ricordata (Annali del Caffaro) come «...insulam Palmarole...». Il toponimo deriva dalla passata presenza della palma nana.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È situata nel canale di Piombino a est dell'estremità nord-orientale dell'isola d'Elba e a sud-ovest della città di Piombino. Amministrativamente fa parte del comune elbano di Rio Marina.

La morfologia è aspra, a forma approssimativamente triangolare; sulla sommità è presente una struttura abitabile con un faro della Marina Militare, attivato il 15 gennaio 1844 sul luogo di una torre edificata nel 909 dalla Repubblica di Pisa e poi ristrutturata nel 1534 dagli Appiano; il faro venne automatizzato nel 1989 con un impianto di pannelli solari da 20 kW. Accanto alla costruzione è presente un piccolo eliporto, mentre poco più a valle si trova una baracca in muratura in altri tempi destinata a ricovero per animali. Al faro giunge l'unico sentiero dell'isola, di circa 250 metri, che si origina dall'insenatura non attrezzata presente nella parte nord, a ridosso del Frate, uno scoglio di circa 4.000 m² (altitudine massima 15 m) elongato verso nord. Nel lato sud-est è presente un ulteriore piccolo scoglio di circa 200 m².

L'isolotto riveste un'importanza naturalistica particolare, in quanto sito di nidificazione di uccelli marini quali la berta maggiore ed il raro gabbiano corso. Assieme alla vicina isola di Cerboli, è stata inserita nei Siti di Interesse Comunitario della regione Toscana per il contesto marino e ambientale in cui si trova. Fa anche parte del parco nazionale dell'Arcipelago Toscano.[1]

Endemismi[modifica | modifica wikitesto]

  • Podarcis muralis ssp. baldasseronii (lucertola di Palmaiola)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Isola d'Elba, scheda redazionale del Parco nazionale dell'Arcipelago Toscano su www.islepark.it (consultato nel giugno 2011)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]