Ismaele Voltolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ismaele Voltolini (Roverbella, 18 giugno 1887Milano, 29 agosto 1938) è stato un tenore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Tenore lirico drammatico, voce possente e chiara, vibrante ma bella, debuttò tardivamente, trentaduenne, al Teatro Cento di Ferrara (1919) nell'opera La fanciulla del West di Giacomo Puccini. Denominato il "novello Caruso", fu conteso dai maggiori teatri d'Europa e d'America. Durante la tournée americana del periodo 1926-27, incontrò una clamorosa disfatta professionale dovuta a problemi psicologici e vocali, iniziò così il suo declino professionale. Tra le principali opere in repertorio ricordiamo: Andrea Chénier di Umberto Giordano, Il trovatore e Aida di Giuseppe Verdi, Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni, Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, Tosca di Giacomo Puccini, Cristoforo Colombo di Alberto Franchetti. Morì a soli 59 anni a Milano, ponendo termine a una frenetica attività ricca di soddisfazioni professionali.
Un concorso internazionale di canto lirico per giovani cantanti lirici intitolato a Ismaele Voltolini ogni anno viene proposto dal Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Buscoldo e dal comune di Curtatone[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Concorso Internazionale per giovani cantanti lirici "Ismaele Voltolini".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vladimiro Bertazzoni, Ismaele Voltolini. 1887-1938 - Il tenore mantovano di Roverbella già salutato come il “novello Caruso”, Mantova, Editore Sometti, 2007, pp. 224, ISBN 978-88-7495-239-7