Il settimo papiro (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il settimo papiro
Titolo originale The Seventh Scroll
Paese Stati Uniti d'America, Italia
Anno 1999
Formato miniserie TV
Genere avventura
Puntate 3
Durata 267 min (totale)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Regia Kevin Connor
Soggetto Wilbur Smith
Sceneggiatura Kevin Connor, Sergio Donati, Ciro Ippolito, Alan Shearman e Wilbur Smith
Interpreti e personaggi
Fotografia Ennio Guarnieri
Musiche Matthew McCauley
Scenografia Keith Wilson
Produttore Ciro Ippolito
Prima visione
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 15 giugno 1999
Al
Rete televisiva Canale 5

Il settimo papiro (titolo originale The Seventh Scroll) è una miniserie televisiva del 1999. La storia prende ispirazione dai romanzi Il dio del fiume e Il settimo papiro di Wilbur Smith.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama prende liberamente spunto dai due libri di Wilbur Smith, essendo il secondo legato alle vicende del primo.

L'egittologa Royan Al Simma, insieme al marito Duraid e al figlio Api, segue le tracce lasciate dallo schiavo Taita 4000 anni fa per raggiungere la tomba del faraone Mamose. Il magnate delle telecomunicazioni e collezionista di reperti egizi senza scrupoli Grant Schiller cerca in tutti i modi di rubare il lavoro svolto da Royan e suo marito per trovare lui stesso la tomba. In un'incursione dei sicari di Schiller nella casa di Royan, Duraid rimane ucciso; lei e il figlio continuano però le ricerche e accettano l'aiuto di Nicholas Harper, un amico di Duraid. Con Nicholas partono quindi per l'Etiopia, dove gli indizi indicano essere la tomba.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]