I lupi mannari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I lupi mannari
Titolo originale The Devil Makes Three
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1952
Durata 95 min
Colore B/N
Audio sonoro Mono (Western Electric Sound System)
Rapporto 1,37:1
Genere drammatico
Regia Andrew Marton
Soggetto Lawrence P. Bachmann
Sceneggiatura Jerry Davis
Produttore Richard Goldstone
Casa di produzione Metro Goldwyn Mayer
Distribuzione (Italia) Metro Goldwyn Mayer
Fotografia Václav Vích
Montaggio Ben Lewis
Musiche Max Steiner
Interpreti e personaggi

I lupi mannari (The Devil Makes Three) è un film statunitense, diretto nel 1952 da Andrew Marton.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Alla fine della seconda guerra mondiale, il capitano dell'aviazione americana Jeff Elliot si reca a Monaco per rivedere la famiglia Lehrt che lo aveva ospitato e nascosto ai nazisti durante la guerra. Della famiglia sopravvive solo la giovane Wilhelmina (Wally), che lavora in un circolo di ufficiali alleati. La ragazza odia gli americani, giacché la sua famiglia è stata distrutta da un bombardamento aereo alleato. Jeff la corteggia e nel frattempo fa amicizia con Heisemann, proprietario del locale.

Con un'automobile a noleggio, fornita dallo stesso Heisemann, i due si recano in gita a Salisburgo, ma al ritorno il giovane capitano viene a sapere dal controspionaggio che l'auto trasportava, a loro insaputa, delle merci di contrabbando. Heisemann fa parte di una banda di fanatici neonazisti, detti "lupi mannari", impegnati a mettere al sicuro l'oro appartenente al tesoro di Hitler, che deve servire alla ricostituzione del Partito Nazista. A tale impresa collaborano, inconsapevoli dei fini dell'attività, le stesse ragazze del locale. Jeff rifiuta di credere alla colpevolezza dell'amata, e intanto i suoi superiori gli impongono di continuare a frequentarla. Nel corso di una seconda gita a Salisburgo, i due cadono in un agguato dei lupi mannari, ma la polizia militare accorre in extremis a salvarli e ad arrestare il capo dell'organizzazione.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (controlled by Loew's Incorporated).

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (controlled by Loew's Incorporated), uscì nelle sale cinematografiche USA il 19 settembre 1952.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema