Hotel Adlon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« Adlon oblige »

(motto dell'hotel[1])
Hotel Adlon
Berlin Hotel Adlon.jpg
L'attuale hotel Adlon, costruito nel 1997 sul modello dell'edificio originario
Ubicazione
StatoGermania Germania
LocalitàBerlino
IndirizzoUnter den Linden 75-77
Coordinate52°30′57″N 13°22′50″E / 52.515833°N 13.380556°E52.515833; 13.380556Coordinate: 52°30′57″N 13°22′50″E / 52.515833°N 13.380556°E52.515833; 13.380556
Informazioni
Condizioniin uso
Inaugurazione1907 (edificio originario)/1997 (edificio attuale)
Demolizione1984
Distruzione1945
Ricostruzione1997
Realizzazione
ArchitettoRainer Michael Klotz

L'Hotel Adlon (oggi: Hotel Adlon Kempinski) è uno storico hotel di Berlino, costruito originariamente nel 1907 e ricostruito fedelmente nel 1997 dopo l'incendio che lo aveva completamente distrutto nel 1945. Situato nella via Unter den Linden, nel quartiere di Berlin-Mitte, è considerato l'albergo più lussuoso della città: vi hanno soggiornato molte celebrità della politica e del mondo dello spettacolo[2][3], tanto da averne fatto una sorta di hotel-"mito"[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio Hotel Adlon[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio Hotel Adlon nel 1926
Le macerie del vecchio Hotel Adlon

L'originario Hotel Adlon fu fatto costruire nel 1907 da Lorenz Adlon, un fabbricante di mobili originario di Magonza.[2][4]. Adlon, che si era trasferito a Berlino intorno l 1880[4], dopo aver acquistato un ristorante al nr. 55 di Unter den Linden (1880)[4], le terrazze dello zoo di Berlino, ecc.[4], volle realizzare un albergo lussuoso, dotato di elettricità ed acqua corrente, cosa insolita per l'epoca[2].

Il progetto fu affidato all'architetto Carl Gause (1851-1907), che aveva già progettato in precedenza altri hotel di Berlino, quali l'Hotel Bristol, l'Hotel Savoy, ecc.[1] La costruzione dell'albergo costò circa 15-17 milioni di marchi.[1][4]

L'albergo fu inaugurato il 27 ottobre di quell'anno: a tagliare il nastro fu l'imperatore Guglielmo II.[2][4]

L'albergo acquisì subito grande popolarità presso le famiglie nobili, che furono disposte a vendere le loro residenze invernali pur di poter soggiornare nelle suite dell'Hotel Adlon.[4] E tra le circa 1,5-1,7 milioni di persone che tra il 1925 e il 1925 visitarono Berlino, molte scelsero l'Hotel Adlon.[4]

Nel 1935 divenne direttore dell'albergo Louis Adlon, figlio di Lorenz Adlon.[4]

Tra il 1935 e il 1945, divenne un luogo dove venivano prese importanti decisioni diplomatiche[4], anche se il Terzo Reich vi preferiva l'Hotel Kaiserhof nella Wilhelmstraße[4] e lo stesso Adolf Hitler visitò l'Adlon soltanto una volta in occasione dei Giochi Olimpici del 1936[4]. A quell'epoca, l'Hotel Adlon si guadagnò inoltre l'appellativo di "piccola svizzera in Germania[4].

A pochi giorni dal termine della seconda guerra mondiale, nella notte tra il 2 e il 3 maggio 1945, l'albergo andò quasi completamente distrutto a causa di un incendio.[2][4]

L'incendio risparmiò soltanto un'ala dell'edificio: questa parte dell'hotel fu in seguito utilizzata all'epoca della DDR prima come hotel e poi tra gli anni settanta e la metà degli anni ottanta come alloggio per insegnanti e studenti.[2][4]

Questa parte fu però demolita nel 1984: il documento che ne sanciva l'ordine di demolizione fu firmato da Erich Honecker.[2][4]

Il nuovo Hotel Adlon[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la riunificazione delle due Germania, iniziò la ricostruzione dell'hotel secondo il modello originario.[2]

Il nuovo Hotel Adlon fu inaugurato il 27 agosto 1997 alla presenza del presidente tedesco Roman Herzog.[2][4]

Il nuovo hotel ospitò in seguito celebrità quali la regina Elisabetta II d'Inghilterra, Barack Obama, Condoleezza Rice, Michael Jackson, Brad Pitt e Angelina Jolie, Ashton Kutcher e Demi Moore, Penélope Cruz, ecc.[2]

Cifre dell'hotel[modifica | modifica wikitesto]

  • Un pernottamente in una delle tre suite presidenziali dell'attuale Hotel Adlon costa 9.500 euro[2]

L'Hotel Adlon nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Cinema e fiction[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (DE) Mende, Martin, Adlon oblige - 100 Jahre Hotelgeschichte in Berlin, Die Geschichte Berlins. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l (NL) Hotel Adlon in Berlijn honderd jaar, Duitsland Instituut. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  3. ^ (EN) The Berlin Hotel Where Hollywood Sleeps - and Hitler Did Too, The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (EN) Hotel Adlon, Berlin History, HotelSite International. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  5. ^ (EN) Hotel Adlon (1955), Internet Movie Database. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  6. ^ (EN) http://www.imdb.com/title/tt2293522/ Una famiglia, Internet Movie Database. URL consultato il 16 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN141557408 · LCCN: (ENno98104055 · GND: (DE5167236-4