Unter den Linden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unter den Linden
Unter den Linden von oben.jpg
Localizzazione
Stato Germania Germania
Città Berlino
Distretto Mitte
Quartiere Mitte
Caratteristiche
Tipo strada urbana
Intitolazione ai tigli che la ornano
Collegamenti
Inizio Schloßplatz
Fine Pariser Platz
Trasporti stazione ferroviaria di Brandenburger Tor; stazione della metropolitana di Brandenburger Tor
Mappa
Mappa di localizzazione: Berlino
Unter den Linden
Unter den Linden

Coordinate: 52°30′59.69″N 13°22′51.6″E / 52.51658°N 13.381°E52.51658; 13.381

Parata militare poco prima della I Guerra Mondiale

Unter den Linden (in italiano; Sotto i tigli – per via degli alberi di tiglio che si allineano lungo l'erboso percorso pedonale posto tra le due carreggiate) è un viale di Berlino, nel quartiere Mitte.

Il traffico automobilistico scorre ai lati della carreggiata centrale.

Il viale è parte dell'asse Est-Ovest. Verso ovest prosegue con il nome di Straße des 17. Juni, verso est come Karl-Liebknecht-Straße.

Il tratto est, compreso fra Glinkastraße e Schloßplatz, è parte delle strade federali B 2 e B 5.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un viale di tigli, esteso dal castello fino alla porta della città, venne piantato nel 1647 da Federico Guglielmo I di Brandeburgo, il "Grande Elettore", che voleva cavalcare fino al parco di caccia del Tiergarten circondato da un appropriato splendore barocco. Questo tratto divenne la più grande e famosa strada di Berlino. Il viale fu ampliato nel 1701 sotto il regno di Federico I divenendo uno dei più importanti assi est-ovest della città. Da allora il viale ha cambiato più volte fisionomia anche grazie alla diversa disposizione dei tigli (su sei file a inizio Ottocento, su 4 alla fine dello stesso secolo).

Nel 1935 alcuni dei tigli vennero abbattuti per rendere possibile la costruzione del tratto sotterraneo della S-Bahn; un abbattimento di tutti i tigli del viale risulta solo in opere letterarie. L'Unter den Linden divenne parte dell'asse est-ovest che conduceva all'Olympiastadion, completato per l'Olimpiade del 1936 e destinato ad essere il primo tassello del ridisegno di Berlino nella nuova Welthauptstadt Germania secondo i progetti di Albert Speer.

Nel dopoguerra vi furono costruiti molti edifici governativi e rappresentativi della Repubblica Democratica Tedesca, oltre a sedi di ambasciate.

Edifici notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Sul lato sinistro:

Sul lato destro:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Joachim Schulz e Werner Gräbner, Berlin. Architektur von Pankow bis Köpenick, 1ª ed., Berlino, VEB Verlag für Bauwesen, 1987, ISBN 3-345-00145-4.
  • (DE) Martin Wörner, Doris Mollenschott, Karl-Heinz Hüter e Paul Sigel, Architekturführer Berlin, 6ª ed., Berlino, Dietrich Reimer Verlag, 2001, ISBN 3-496-01211-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Germania Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania
Controllo di autorità VIAF: (EN238100403 · LCCN: (ENsh90002561 · GND: (DE4094836-5