Harry Anderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'attore statunitense nato nel 1919, vedi Harry Anderson (attore 1919).
Harry Anderson nel 1988

Harry Laverne Anderson (Newport, 14 ottobre 1952Asheville, 16 aprile 2018) è stato un attore e cabarettista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella Contea di Newport, nello Stato del Rhode Island, nel 1962 si trasferì con il padre in California. Partecipò alla serie televisiva Giudice di notte per diversi anni, dal 1984 al 1992. Celebre cabarettista, presentò Ellen DeGeneres allo speciale della HBO Tenth Annual Young Comedians.

Si ricorda soprattutto per aver interpretato Richie Tozier da adulto nel film It, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King. Dopo svariati film si è mostrato in alcuni cameo come in Tesoro... è in arrivo un bebè. Per il suo ruolo di Harry Stone ebbe varie nomination ai Premi Emmy (come Migliore attore in una serie comica o commedia) di varie edizioni: 1985, 1986 e 1987 senza mai vincerlo. Visse per un periodo a New Orleans.[1]

Morì il 16 aprile 2018 all’età di 65 anni nella sua casa ad Asheville a seguito di un ictus dovuto a un'influenza che lo colpì il gennaio precedente[2][3].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si è sposato due volte: la prima volta nel 1977 con Leslie Pollack, da cui ha poi divorziato nel 1999, e la seconda con Elizabeth Morgan, che ha sposato nel 2000 e con cui è rimasto legato fino alla morte

Dalle relazioni ha avuto due figli: Eva e Dashiell William.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ For Harry Anderson, the New Orleans Magic Is Gone, articolo di John Schwartz, 30 agosto 2006 The New York Times
  2. ^ Alice Grisa, È morto Harry Anderson, star di Giudice di notte e della miniserie di IT, in MondoFox, 17 aprile 2018. URL consultato il 18 aprile 2018.
  3. ^ Lorenzo Pedrazzi, ADDIO A HARRY ANDERSON, IL RICHIE TOZIER DEL PRIMO IT, in ScreenWeek.it, 17 aprile 2018. URL consultato il 18 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51891152 · ISNI (EN0000 0000 7823 6380 · LCCN (ENn88271112 · GND (DE131614010 · BNF (FRcb14046132w (data)