Hanno rubato un tram

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hanno rubato un tram
Hannorubatountram.jpg
Sergio Leone, Lucia Banti e Aldo Fabrizi
Paese di produzione Italia
Anno 1954
Durata 90 min
Colore B/N
Audio Sonoro
Genere commedia
Regia Aldo Fabrizi
Soggetto Luciano Vincenzoni
Sceneggiatura Mario Bonnard, Aldo Fabrizi e Ruggero Maccari
Produttore Luigi Rovere
Fotografia Mario Bava
Montaggio Maria Rosada
Musiche Carlo Rustichelli
Scenografia Flavio Mogherini
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Hanno rubato un tram è un film commedia italiano realizzato in bianco e nero, interpretato e diretto da Aldo Fabrizi, e uscito nel 1954. È ambientato a Bologna.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Mancini è un conducente di tram, nato e cresciuto a Roma ma che vive a Bologna dopo essersi sposato con una ragazza del posto.

I guai per Cesare cominciano quando un giorno investe per errore una donna in bicicletta: pur uscendone quest'ultima miracolosamente illesa, l'incidente costa però a Cesare la retrocessione a bigliettaio. L'uomo non digerisce affatto tale declassamento, e a malapena riesce a svolgere il nuovo incarico, collezionando una sfilza di rapporti negativi dell'inflessibile controllore capo. Il direttore dell'azienda tranviaria gli fa presente che così facendo non rimarrà ancora a lungo in servizio. Cesare promette di tenere a bada la sua impulsività, ma non riuscirà a tenere fede all'impegno: infatti in un parapiglia causato da un nugolo di tifosi scalmanati appena usciti dallo stadio, l'onnipresente Rossi riprende duramente Cesare che, esasperato, manda tutti al diavolo e abbandona il tram. L'inevitabile ennesimo rapporto, questa volta, si traduce per lui in tre mesi di sospensione dal servizio.

Scoraggiato per l'accaduto, Cesare, che già ha nascosto alla famiglia il suo declassamento, tace anche il nuovo provvedimento disciplinare ma sfortunatamente la verità viene a galla durante una gara culinaria per l'elezione della "reginetta dei tranvieri" alla quale partecipa la figlia: quest'ultima, infatti, dopo aver surclassato le altre concorrenti, viene proclamata vincitrice, ma uno dei giudici si accorge dell'irregolarità della posizione del padre e quindi l'elezione viene annullata, fra l'incredulità dei presenti.

La moglie e la suocera, scoperta la ragione della squalifica della ragazza, inveiscono senza alcuna pietà contro il povero Cesare; l'uomo, che si sente ormai abbandonato da tutti, vaga a piedi nella notte per la città ed il caso vuole che arrivi proprio davanti al deposito tranviario. Si impadronisce quindi di una vettura e inizia a girare per la città senza una meta, facendo anche salire gratuitamente a bordo alcuni occasionali viaggiatori con i quali si intrattiene. Chiaramente Cesare viene arrestato, e finisce sotto processo per direttissima, ma la buona sorte finalmente si ricorda di lui: il suo controllore capo, proprio quel Rossi che tanto lo aveva perseguitato, si presenta spontaneamente al processo e depone in suo favore, ammettendo di aver inconsciamente approfittato del suo grado superiore per infierire su di lui a titolo di rivalsa per le innumerevoli sconfitte incassate al gioco delle bocce. Cesare viene quindi assolto e potrà riprendere regolare servizio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Lucia Banti e Aldo Fabrizi alla prima del film 1954

Le riprese del film, prodotto da Luigi Rovere, per la Imperial Film, iniziano a Bologna il 18 ottobre 1950, poi la troupe si trasferisce negli studi di Cinecittà, per completare le riprese. La prima proiezione pubblica, del film distribuito dalla CEIAD Columbia viene effettuata nel cinema "Fiume" di Bagnaia, Viterbo, il 30 dicembre 1954. Spettacolare la sequenza notturna, della corsa del tram, attraverso il centro di Bologna, merito soprattutto della fotografia curata da Mario Bava. Nella sequenza del ballo, il presentatore dell'evento è un giovanissimo Sergio Leone, all'epoca aiuto regista di Fabrizi.

Edizioni in DVD[modifica | modifica wikitesto]

Una copia restaurata è stata prodotta dalla Ripley's Home Video, in prima edizione nel 2005, con contenuti extra:

  • Intervista a Luciano Vincenzoni autore del soggetto.
  • Ciak si gira Aldo Fabrizi regista.
  • Pagine d'epoca, il fatto di cronaca che ha ispirato il film.

Manifesti e locandine[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione dei manifesti e delle locandine del film, in Italia, fu affidata al pittore e cartellonista Enrico De Seta.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema