Höxter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Höxter
Media città di circondario
Höxter – Stemma
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of North Rhine-Westphalia.svg Renania Settentrionale-Vestfalia
DistrettoDetmold
CircondarioHöxter
Amministrazione
SindacoAlexander Fischer (SPD) dal 2014
Territorio
Coordinate51°46′N 9°22′E / 51.766667°N 9.366667°E51.766667; 9.366667 (Höxter)Coordinate: 51°46′N 9°22′E / 51.766667°N 9.366667°E51.766667; 9.366667 (Höxter)
Altitudine96 m s.l.m.
Superficie157,89 km²
Abitanti32 020 (31-12-2007)
Densità202,8 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale37651–37671
Prefisso(+49) 05271, 05275, 05277, 05278, 05531
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis05 7 62 020
TargaHX
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Höxter
Höxter
Höxter – Mappa
Sito istituzionale

Höxter è una città di 32.020 abitanti della Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania.

Appartiene al distretto governativo (Regierungsbezirk) di Detmold ed è capoluogo del circondario (Kreis) omonimo (targa HX).

Höxter si fregia del titolo di "Media città di circondario" (Mittlere kreisangehörige Stadt).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Locator map Corvey.svg

Höxter è la città più orientale della Renania Settentrionale-Vestfalia ed è attraversata dal Weser. Si trova nella valle superiore del Weser (Holzmindener Weser), immediatamente a ovest del Solling e a est della Foresta di Teutoburgo. Il punto più orientale della città è la frazione di Stahle. La maggioranza dell'area urbana si trova sulla sponda ovest del Weser, dove si trova anche l'Abbazia di Corvey. La città arriva fino alla cima del Köterberg, a 496 metri sul livello del mare.

La città confina direttamente con la Bassa Sassonia. Infatti sulla riva orientale si trova il Solling, un'altura che segna il confine tra i due Länder. Nell'estremità meridionale della città, vicino a Godelheim, il fiume Nethe sfocia nel Weser.

Le città più grandi vicine sono Paderborn (circa 45 km a ovest), Bielfeld (circa 65 km a nord-ovest), Hannover (circa 70 km a nord), Göttingen (circa 45 km a sud-est) e Kassel (circa 50 km a sud)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Höxter compare per la prima volta nel 775 in riferimento a una località vicina e oggi deserta, Brunisberg, presso la quale Carlo Magno combatté una battaglia contro i Sassoni[1]. Dopo la conquista vi venne fondata una villa regia, Huxoria. Si trattava di una zona strategica importante, perché nelle vicinanze di Paderborn e lungo due strade principali che portavano da Brema a Kassel e la Westfälische Hellweg o Strada del sale, che collegava Duisburg a Paderborn.

Nel 882 Ludovico il Pio cedette la proprietà all'Abbazia di Corvey. Nel 1250 Höxter acquisì i diritti di città e nel 1295 entrò nella Lega Anseatica.

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Guerra dei Trent'anni la città venne duramente colpita. Nel 1634 i soldati della Lega Cattolica uccisero più di 1500 abitanti in quella che è conosciuta come Bagno di sangue di Höxter (Blutbad von Höxter), causando un rapido impoverimento e il declino della città.

La città fu la capitale del Principato vescovile di Corvey dal 1792 al 1803, quando passò nelle mani della casata di Nassau-Orange, per poi essere acquisita dal Regno di Vestfalia nel 1807. Nel 1803 passò al Regno di Prussia. Dal 1816 Höxter divenne il capoluogo (Kreisstadt) del Distretto di Höxter nel Distretto governativo di Minden, nella regione della Vestfalia.

A metà del XIX secolo avvenne un lento sviluppo economico della città con la costruzione della rete ferroviaria Altenbeken-Holzminden-Kreiensen-Braunschweig, che passava da Höxter tramite il ponte sul Weser. La linea apparteneva alla Reale Compagnia Ferroviaria Vestfalica (Königlich-Westfälische Eisenbahn-Gesellschaft) e rappresentava un importante collegamento tra Berlino, Braunschweig e l'area industriale della Ruhr. Dopo la divisione della Germania nel 1945, la linea perse la propria importanza.

XX-XXI secolo[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 giugno 1951 venne sepolto in città Hans-Theodor Schmidt, Hauptsturmführer delle SS e aiutante del comandante del campo di concentramento di Buchenwald. Schmidt era originario di Höxter ed era stato giustiziato come ultimo criminale di guerra nella prigione militare di Landsberg.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

L'ensemble della Musikschule Höxter[2], il coro della Musikalischen Zentrum Höxter[3] e molti altri centri musicali offrono alla città varie opportunità di partecipazione musicale[4]. Nelle chiese di Höxter, inoltre, si tengono regolarmente concerti aperti al pubblico.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro comunale Residenz Stadthalle Höxter ha un programma regolare. Offre 680 posti a sedere su una superficie di 2.000 m² e nella frazione di Stahle si trova un palcoscenico all'aperto costruito su una ex cava.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • A Corvey si trova un museo che racconta la storia di Höxter dalle origini (IX secolo) fino al 1750 circa
  • Il Jacob Pins Forum mette in mostra le opere dell'artista ebreo fuggito durante il Terzo Reich da Höxter per andare in Palestina. Le opere sono state donate da Pins stesso alla sua città natale ed è un'esposizione permanente in ricordo degli ebrei della città.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Höxter si divide in 13 distretti (Ortschaften), corrispondenti all'area urbana e a 12 frazioni[5]:

Frazione

(Ortschaft)

Abitanti
Höxter (area urbana) Höxter Ortsteile.svg
Albaxen 1613[6]
Bödexen 841[6]
Bosseborn 527[6]
Brenkenhausen 1280[6]
Bruchhausen 660[6]
Fürstenau 1165[6]
Godelheim 890[6]
Lüchtringen 3004[6]
Lütmarsen 1029[6]
Ottbergen 1541[6]
Ovenhausen 1114[6]
Stahle 2458[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Höxter[modifica | modifica wikitesto]

Nati a Höxter[modifica | modifica wikitesto]

  • Hermann von Höxter (circa 1370-1396), uno dei primi professori di medicina all'Università di Heidelberg
  • Hinrich Boger (prima 1450-1505), poeta e pre-umanista
  • Johan Eichrodt (1582-1638), giurista
  • Martin Trost (1588-1636), orientalista
  • Vitus Georg Tönnemann (1659-1745), confidente e confessore dell'imperatore Carlo VI a Vienna
  • Johann Wilhelm von Göbel (1683-1745), giurista e docente universitario
  • August Potthast (1824-1898), storico e bibliotecario
  • Hermine Bovet (1842-?), pianista tedesca
  • Fritz Rose (1855-1922), commissario imperiale della Nuova Guinea tedesca
  • Georg Reuter (1855-1930), presidente del tribunale regionale superiore di Naumburg
  • Julius Wortmann (1856-1925), micologo
  • Max Rubensohn (1864-1913), filologo germanista e storico della letteratura
  • Carl von Wedelstadt (1864-1959), borgomastro di Gelsenkirchen dal 1919 al 1928
  • Samson Hochfeld (1872-1921), rabbino e studioso
  • Paul Rhode (1877-1965), insegnante, politico della SPD e deputato regionale
  • Franz Hilker (1881-1969)
  • Heinrich Schlüter (1883-1971), politico della CDU
  • Max Robitzsch (1883-1952), esploratore polare e meteorologo
  • Hermann Worch (1890-1935), borgomastro della SPD in Turingia
  • Hans Ummen (1894-1982), politico (NSDAP)
  • Hans-Theodor Schmidt (1899-1951), Hauptsturmführer delle SS e aiutante del comandante del lager di Buchenwald
  • Luise Holzapfel (1900-1963), chimica
  • Franz Lüke (1906-1966), politico(CDU)
  • Joachim Steinbacher (1911-2005), ornitologo
  • Maria Litto (1919-1996), attrice di teatro e ballerina
  • Tilemann Grimm (1922-2002), ordinario di sinologia (cultura, lingua e storia cinese) ed esperto del maoismo
  • Rudi Hoffmann (1924-2008), autore di teatro
  • Eduard Micur (1925-2000), pittore
  • Lothar Lammers (1926-2012), inventore
  • Christel Looks-Theile (1930), giornalista e scrittirce
  • Heinrich Rosenbaum (1930-2016), politico (CDU)
  • Rüdiger Ahrens (1939), professore di lingua e letteratura inglese e linguista
  • Hartwig Schmidt (1942), conservatore di monumenti
  • Verena Auffermann (1044), critica, pubblicista e docente
  • Ursula Kähler (1944), politica (CDU)
  • Franz Knipping (1944), storico
  • Wolf-Michael Catenhausen (1945), insegnante e politico (SPD)
  • Ulf-Dieter Klemm (1946), giornalista e diplomatico tedesco
  • Michael Scheele (1948), console onorario
  • Hans Christoph Becker-Foss (1949), organista, corista e professore
  • Hermann Krekeler (1951), autore
  • Wolfgang Beltracchi (1951), falsario d'arte
  • Christhard Gössling (1957), musicista della Berliner Philarmoniker
  • Burkhard Albers (1959), giurista e politico (SPD)
  • Hans-Jürgen Bömelberg (1961), storico e professore
  • Thomas von Heesen (1961), calciatore
  • Monika Düker (1963), politica (Die Grünen)
  • Stephan Kuhn (1964), calciatore
  • Andrea Lange (1964), teologo evangelico-luterano
  • Thorsten Nindel (1964), attore di teatro
  • Jörg Schröder (1964), ingegnere e vicerettore dell'Università di Duisburg-Essen
  • Anja Niedringhaus (1965-2014), fotografa e vincitrice del premio Pulitzer
  • Christian Haase (1966), politico (CDU)
  • Stefan Krabath (1969), archeologo
  • Jürgen Unruhe (1970), politico (SPD)
  • Koray Günter (1994), calciatore turco-tedesco
  • Felix Platte (1996), calciatore

Persone associate a Höxter

  • Ansgar (801-865), monaco franco. Ha insegnato a Corvey[8]
  • August Heinrich Hoffmann von Fallersleben (1798-1874), germanista e poeta dell'Inno Nazionale Tedesco. Visse a Höxter dal 1855 fino alla sua morte e qui è sepolto
  • Konrad Beckhaus (1821-1898), teologo tedesco, botanico e micologo
  • Karl Möllinger (1822-1895), architetto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annales Regni Francorum - Anno 775, su dmgh.de.
  2. ^ Musikschule Höxte, su musikschule-hoexter.de.
  3. ^ Musikalisches Zentrum Höxter, su musikalisches-zentrum-hx.de.
  4. ^ Musikvereine, su web.archive.org.
  5. ^ http://www.hoexter.de/6.html Archiviato il 25 maggio 2011 in Internet Archive.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l Aggiornato al 31 dicembre 2016
  7. ^ a b http://www.hoexter.de/3.html
  8. ^ Vita Anskarii, su sourcebooks.fordham.edu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139573101 · LCCN (ENn82036175 · GND (DE4025451-3 · BNF (FRcb120078966 (data)