Guardastanca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guardastanca
KHM Wien R X - Racing armour c. 1530-40 side.jpg
Guardastanca del decennio 1530-1540 montata su armatura da giostra tp. Rennzeug - Kunsthistorisches Museum di Vienna
Materialelegno o ferro
OrigineEuropa occidentale
Impiego
UtilizzatoriCavalleria pesante
Produzione
Entrata in usoXV secolo
Cessazione dell'usoXVII secolo
Boeheim, Wendelin (1890), Handbuch der Waffenkunde. Das Waffenwesen in seiner historischen Entwicklung vom Beginn des Mittelalters bis zum Ende des 18 Jahrhunders, Leipzig.
voci di armature presenti su Wikipedia

La Guardastanca, anche Granguardia o Guardabraccio (Verstärkungsplatte o Schulterschild mit Rand in lingua tedesca; Grande Épauliere, Grande Garde e Garde Bras in lingua francese; Shoulder-Gard with Passe Garde in lingua inglese), era una componente dell'armatura a piastre appositamente ideata per i modelli destinati all'uso nella giostra medievale (v. armatura da giostra).
Si trattava di una piastra di rinforzo applicata sul lato sinistro della corazza toracica, comprende anche parte dello spallaccio e del bracciale (fond. il rebrace). Componente mobile, veniva solo avvitata sull'armatura onde staccarsi non appena ricevuto il colpo da parte della lancia avversaria. Aveva cioè una duplice funzione: garantire maggior sicurezza all'utente e segnalare, una volta sbalzata, il colpo andato efficacemente a segno.

Sin dalla fine del XV secolo, la guardastanca veniva applicata alla corazza tramite un apposito meccanismo d'aggancio che, al contempo, ne facilitava il rilascio "a molla" non appena il pezzo veniva colpito correttamente.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

I modelli originarii di guardastanca, poco più che degli scudi privi d'impugnatura, erano realizzati in legno. Solo successivamente, con la codifica formale della guardastanca quale componente dell'armatura a piastre, essa divenne di metallo (ferro, raramente acciaio). Il manufatto poteva essere:

  • una piastra piatta coprente interamente l'ipotetico quadrato disegnato dalla diagonale gomito(sx)-collo del cavaliere, con una falda curva tipo "mezza-goletta" a protezione del punto d'aggancio della barbozza con la corazza - i.e. guardastanca per armatura da giostra tp. Stechzeug;
  • una piastra sagomata a riprodurre il profilo del cavaliere dall'avambraccio della mano preposta alle redini (la sx) sino alla base del collo, protrundentesi verso l'alto con una barbozza direttamente agganciata al corpo della guardastanca stessa - i.e. guardastanca per armatura da giostra tp. Rennzeug.

La guardastanca era solitamente coperta con i "colori" del cavaliere, similmente alla gualdrappa del destriero bardato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boeheim, Wendelin (1890), Handbuch der Waffenkunde. Das Waffenwesen in seiner historischen Entwicklung vom Beginn des Mittelalters bis zum Ende des 18 Jahrhunders, Leipzig.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Boeheim, Wendelin (1890), Handbuch der Waffenkunde. Das Waffenwesen in seiner historischen Entwicklung vom Beginn des Mittelalters bis zum Ende des 18 Jahrhunders, Leipzig.
  • Gelli, Jacopo (1900), Guida del raccoglitore e dell'amatore di armi antiche, Milano, U. Hoepli.
  • Oakeshott, Ewart (2000), European Weapons and Armour: From the Renaissance to the Industrial Revolution, Boydell Press, ISBN 0-85115-789-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]