Giulio Alessio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Alessio
Giulio Alessio.jpg

Ministro della Pubblica Istruzione
Durata mandato 14 marzo 1920 –
21 maggio 1920
Presidente Francesco Saverio Nitti
Predecessore Pietro Chimenti
Successore Andrea Torre

Ministro dell'Agricoltura, Industria e Commercio del Regno d'Italia
Durata mandato 15 giugno 1920 –
4 luglio 1921
Presidente Giovanni Giolitti
Predecessore Giuseppe De Nava
Successore Bortolo Belotti

Ministro di grazia e giustizia
Durata mandato 1º agosto 1922 –
31 ottobre 1922
Presidente Luigi Facta
Predecessore Luigi Rossi
Successore Aldo Oviglio

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XX, XXI, XXII, XXIII, XXIV, XXV, XXVI del Regno d'Italia
Gruppo
parlamentare
Radicale
Circoscrizione Padova

Dati generali
Partito politico Partito Radicale Italiano
Professione economista

Giulio Alessio (Padova, 13 maggio 1853Padova, 19 dicembre 1940) è stato un economista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi laureato in giurisprudenza nel 1874 [1], nel 1888 ottenne la cattedra di scienza delle finanze e di diritto finanziario nell'Università di Padova [1].

Deputato dal 1897 [1], fu sottosegretario alle Finanze nel primo ministero Sonnino (1906) [1], vicepresidente della Camera (1913 - 1919) [1], ministro della Pubblica Istruzione (1920) [2], ministro dell'Industria e Commercio (1920 - 1921), ministro di Grazie e Giustizia (1921),ministro delle Poste e Telegrafi (1920).

Fu deciso avversario del fascismo [3] e prese parte alla secessione dell'Aventino (giugno 1924). Nel novembre del 1924 aderì all'Unione Nazionale delle forze liberali e democratiche di Giovanni Amendola [1].

Perseguitato per le sue posizioni politiche, nel 1928, dopo l'attentato del 12 aprile alla Fiera Campionaria di Milano, contro il re Vittorio Emanuele III, fu arrestato [1] e costretto a lasciare l'insegnamento universitario; continuò comunque a studiare e a preparare una grande opera sullo stato italiano che vide la luce poco prima della sua morte [4].

Firmatario nel 1925 del Manifesto degli intellettuali antifascisti [1] redatto da Benedetto Croce in polemica risposta all'analogo e opposto documento di adesione al regime preparato dal filosofo Giovanni Gentile, fu tra i dieci Accademici dei Lincei che nel 1933 si rifiutarono di prestare giuramento al fascismo.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Saggio sul sistema tributario in Italia e suoi effetti economici, 2 voll., Torino, Bocca, 1883-1887. Comprende:
  1. Le basi economiche del sistema tributario.
  2. Le imposte indirette e le tasse.
  • Studi sulla teorica del valore del cambio interno, Torino, Bocca, 1890.
  • La funzione del Tesoro nello Stato moderno, Padova - Verona, F.lli Druecker, 1894.
  • Disegno di una riforma razionale del sistema tributario italiano: premesse e progetto di legge, Bologna, Tip. A. Garagnani e figli, 1901.
  • Contributo al concetto economico-nazionale del patrimonio e del reddito: studio, Venezia, Premiate officine grafiche di C. Ferrari, 1911.
  • Lezioni di economia politica: anno accademico 1922-23, Padova, La Litotipo, 1923.
  • Ulteriori studii sulla teoria del reddito nazionale, Roma, Tip. della R. Accademia nazionale dei Lincei, 1923.
  • Lezioni di economia politica: Parte terza. R. Università di Padova, anno accademico 1924 25, Padova, La Litotipo, 1925.
  • La rivalutazione della lira, Milano, Societa editrice libraria, 1926.
  • Introduzione all'economia politica: anno accademico 1927-28, Padova, CEDAM, 1928
  • Lo stato italiano, 2 voll., Città di Castello - Bari, Macri, 1939. Comprende:
  1. La formazione del carattere del popolo.
  2. Le istituzioni politiche prima della guerra mondiale.
  • La crisi dello stato parlamentare e l'avvento del fascismo, Padova, CEDAM, 1946 [5].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Fu membro delle seguenti accademie e istituzioni scientifiche:

Fonti bibliografiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Fonte: Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti in Collegamenti esterni.
  2. ^ Secondo AA.VV., Storia d'Italia, DeAgostini, 1991, diventò ministro a seguito di un rimpasto del governo Nitti I il 14 marzo 1920
  3. ^ Vedi la voce nella Treccani.it L'Enciclopedia Italiana, riferimenti in Collegamenti esterni.
  4. ^ Lo stato italiano, opera in due volumi, pubblicata dalla Macri Editore nel 1939.
  5. ^ Scritto nel 1928 e pubblicato postumo. Vedi il già citato Dizionario Biografico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alèssio, Giulio la voce nella Treccani.it L'Enciclopedia Italiana. URL visitato l'11 novembre 2012.
  • Giulio Alessio 1885-1939 Archivio dell'istituto per la storia del Movimento liberale, sito Archivio storico della Camera dei deputati. URL visitato l'11 novembre 2012.
Controllo di autoritàVIAF (EN114799635 · ISNI (EN0000 0001 0937 9000 · LCCN (ENn89659907 · BNF (FRcb10341005g (data)