Giuliano (usurpatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antoniniano di Giuliano, celebrante le due province di Pannonia

Marco Aurelio Sabino Giuliano, noto come Giuliano di Pannonia (latino: Marcus Aurelius Sabinus Iulianus;[1]; ... – 285/286), è stato un usurpatore romano.

La sua storia non è ben chiara, e potrebbe essersi rivoltato contro l'imperatore romano Carino nel 283-285 o contro Massimiano nel 286; sono state avanzate ipotesi dell'esistenza di più usurpatori con nomi simili nell'arco di un decennio, ma almeno uno di loro è confermato dall'evidenza numismatica.

Usurpatore contro Carino (283-285)[modifica | modifica wikitesto]

Usurpatore in Italia o Pannonia[modifica | modifica wikitesto]

Aureo di Giuliano, zecca di Siscia; IMP C IVLIANVS P F AVG, busto a destra, laureato, drappeggiato e corazzato

Giuliano era un corrector (governatore regionale) in Italia settentrionale nel 283/284,[2] e non un prefetto del pretorio come affermato da altre fonti.[3] Subito dopo che la notizia della morte dell'imperatore Caro[2] (nel 283) o di suo figlio l'imperatore Numeriano[3] (nel novembre 284), entrambi morti durante una campagna alla frontiera orientale, giunse nelle province occidentali, Giuliano si rivoltò in Pannonia: questa versione è compatibile con il ritrovamento di monete con il suo nome coniate a Siscia e recanti una legenda che celebra le province pannoniche.

L'imperatore Carino, fratello di Numeriano, marciò dalla Britannia per affrontare l'usurpatore, e lo incontrò sconfisse e uccise all'inizio del 285, in Italia[4] (probabilmente vicino Verona),[5] o in Illiria.[2]

Ipotesi moderne[modifica | modifica wikitesto]

Non tutti gli studiosi accettano questa versione dei fatti, e ipotizzano che due usurpazioni ebbero luogo: la prima ebbe come protagonista M. Aur. Iulianus, corrector in Italia, che si ribellò dopo la morte di Caro e controllò la Pannonia prima di essere sconfitto in Illiria; la seconda ribellione avrebbe visto un Sabino Giuliano, prefetto del pretorio, usurpare la porpora in Italia dopo la morte di Numeriano, ed essere sconfitto vicino Verona.[6]

Usurpatore in Africa[modifica | modifica wikitesto]

Un ulteriore usurpatore, chiamato semplicemente Giuliano, creò dei problemi rivoltandosi nella provincia d'Africa contro Carino, con il sostegno della tribù dei Quinquegentiani.[7]

Usurpatore contro Massimiano e Diocleziano[modifica | modifica wikitesto]

Si tramanda la rivolta di un terzo Giuliano, nel periodo che va dall'elevazione di Massimiano al rango di Augusto (1º marzo 286) alla nomina a Cesari di Costanzo Cloro e Galerio (1º marzo 293). La rivolta di questo Giuliano ebbe luogo in Italia, e terminò quando, durante un assedio, fu aperta una breccia nelle mura della città in cui era asserragliato: vistosi perduto, Giuliano si gettò tra le fiamme.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il suo nome è ricostruito sulla base delle sue monete, dove il nome è riportato come M AVR IVLIANVS, e di diverse fonti letterarie: Aurelio Vittore, (Epitome, 38.6) e Zosimo (1.73; 1.3) danno Sabinus Iulianus; Aurelio Vittore usa Iulianus altrove (Liber, 39.10)
  2. ^ a b c Aurelio Vittore, Liber, 39.10.
  3. ^ a b Zosimo, i.73.1.
  4. ^ Zosimus, i.73.3.
  5. ^ Aurelio Vittore, Epitome, 38.6.
  6. ^ Morris.
  7. ^ Aurelio Vittore, Liber, 39.22.
  8. ^ Aurelio Vittore, Epitome, 39.3-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche
  • Aurelio Vittore, Epitome de Caesaribus, 38.6, 39.3-4
  • Aurelio Vittore, Liber de Caesaribus, 39.10, 39.22
  • Zosimo, Historia Nova
Fonti storiografiche moderne

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]