Giovanni IV d'Armagnac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni IV d'Armagnac (Rodez, 15 ottobre 13965 novembre 1450) fu Conte di Armagnac, Rodez e Fézensac dal 1418 al 1450.

Arma dei conti d'Armagnac : d'argento con leone rosso

La vita, il matrimonio e i figli[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni IV d'Armagnac nacque a Rodez il 15 ottobre 1396 da Bernardo VII d'Armagnac, suo fratello Bernard d'Armagnac conte di Pardiac (morto 1462) fu il padre di Jacques d'Armagnac che fu anche Duca di Nemours, e sua madre fu Bona di Berry, nipote di Carlo V di Francia. Suo padre era divenuto padrone della Contea di Comminges che aveva preso con la forza, ma Giovanni non fu poi in grado di impedire il matrimonio di Marguerite de Commiges (morta 1443) con Mathieu de Foix (morto 1453) che governò la contea comunque in maniera indipendente. Nel 1425 Giovanni riconobbe il Re di Castiglia quale signore del contado di Armagnac. Carlo VII di Francia, allora impegnato contro gli inglesi non poté intervenire direttamente, ma non dimenticò certo l'accaduto tanto che, quando Giovanni provò ad arrangiare le nozze fra la propria figlia Isabelle ed Enrico VI d'Inghilterra dovette desistere per le minacce del sovrano. Nel 1440 prese parte ad una ribellione che vedeva coinvolti alcuni nobili e il delfino, ma la rivolta venne sventata e Carlo VII perdonò gli insorti. In seguito a un altro scontro fra Giovanni e il re quest'ultimo chiese al delfino di punirlo, il giovane Luigi mise quindi sotto asseddio L'Isle-Jourdain prendendo Giovanni in ostaggio a Carcassonne nel 1443. Tre anni dopo Giovanni fu formalmente perdonato, ma le sue terre continuarono ad essere governate da ufficiali regi ed egli non ebbe più nessuna indipendenza fino alla morte sopraggiunta il 5 novembre 1450. Il 16 giugno 1407 egli sposò Blanche di Bretagna (1395-1419), figlia di Giovanni V di Bretagna e Joana di Navarra, insieme ebbero:

Il 10 maggio del 1419 si risposò con Isabel di Navarra, figlia di Carlo III di Navarra e Leonor di Trastàmara, insieme ebbero:

Controllo di autoritàVIAF (EN201138631