Giovanni Gandini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Gandini (Milano, 14 ottobre 1929Milano, 18 febbraio 2006) è stato un editore, scrittore e disegnatore italiano, conosciuto soprattutto per essere il fondatore della rivista Linus[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A metà degli anni sessanta, Gandini importò dagli Stati Uniti d'America i celeberrimi Peanuts, aprendo un mondo di slogan, battute e tormentoni, con i quali Charlie Brown, il bracchetto Snoopy, la saccente Lucy e il timido Linus, con la sua immancabile coperta, esprimevano disagi e incertezze di una generazione. Il giornale era edito dalla casa editrice Milano Libri, nata dall'omonima libreria gestita dalla moglie di Gandini, Anna Maria Gregorietti.[2]

Oltre ai fumetti di Charles M. Schulz, Linus aprì alla controcultura americana ma anche al surrealismo latino, da Fernando Arrabal a Roland Topor passando per Copi. Ma sulla «rivista dei fumetti e dell'illustrazione» (il sottotitolo di Linus), comparvero anche Valentina di Guido Crepax, Pogo, Krazy Kat, B.C., Dick Tracy e Corto Maltese di Hugo Pratt. Il primo numero del 1965 conteneva anche interviste di Umberto Eco a Elio Vittorini e a Oreste Del Buono. Gandini diresse Linus fino al 1972, anno in cui cedette la guida della rivista a Del Buono.

I fumetti statunitensi erano tradotti magistralmente, lavorando di cesello sui nonsense di Pogo e sulle battute dei Peanuts e del Mago di Id, sovrapponendo al linguaggio originale il linguaggio giovanile italiano.

Non soltanto editore, Giovanni Gandini coltivava una vivace passione narrativa, con un gusto innato dell'ironia e della dissacrazione. Testimoni di questa sua vena narrativa sono i suoi libri, dalla raccolta di racconti L'orso buco a Piccoli gialli, a quella di elzeviri come L'ultimo pensiero fondente. Una vena ludica, appena velata di malinconia che si rivela anche in Caffè Milano, edito da Scheiwiller nel 1987. Oltre a Linus, Gandini è stato anche editore de Il Giornalone e di Uffa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La vera storia di Linus, da "Doppiozero"
  2. ^ Da "Finzioni"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Caffè Milano, All'insegna del pesce d'oro, 1987
  • L'orso buco, Ponte alle Grazie, 1988
  • Piccoli gialli, Marcos y Marcos, 1996
  • Pensiero fondente, Ponte alle Grazie, 2003
  • Un milione di copie, Archinto, 2006
  • Storie Sparse, il Saggiatore, 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN71611202 · SBN: IT\ICCU\CFIV\069187 · BNF: (FRcb14432207g (data)