Giovanni Gaddoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Gaddoni
Gaddoni Giovanni.jpg
Gaddoni con la maglia dell'Atalanta.
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1953
Carriera
Squadre di club1
1933-1935Russi22 (14)
1935-1936Reggiana19 (7)
1936-1938Piacenza51 (42)
1938-1939Torino26 (11)
1939-1942Atalanta76 (40)
1942-1944Ambrosiana-Inter39 (24)
1945-1946Piacenza22 (12)
1946-1947Genoa4 (0)
1947-1949Monza28 (22)
1949-1952Russi? (?)
1952-1953Vimercatese? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giovanni Gaddoni (Russi, 20 settembre 1914Paderno Dugnano, 20 agosto 2000) è stato un calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Gaddoni era un centravanti dotato di buona tecnica, fisico possente e fiuto del gol, capace di "fare reparto" praticamente da solo[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nel Russi, formazione romagnola di Prima Divisione, dalla quale passa alla Reggiana in Serie C[2], con cui mette a segno 8 reti in 19 partite nel campionato 1935-1936. Nel 1936 si trasferisce al Piacenza[1] dove realizza 42 reti in due stagioni di Serie C, nelle quali gli emiliani ottengono un secondo posto (1936-1937) e perdono lo spareggio-promozione contro il Fanfulla l'anno successivo, nonostante il gol del vantaggio segnato proprio da Gaddoni[3].

Le sue prestazioni in maglia piacentina gli valgono il passaggio al Torino[4], espressamente voluto da Egri Erbstein dopo il fallimento delle trattative per Danilo Michelini[5]. Con i granata esordisce in Serie A e disputa una buona stagione, siglando 11 reti. Al termine del campionato, tuttavia, viene ceduto all'Atalanta, con la quale vince il campionato di Serie B realizzando 25 reti (miglior marcatore stagionale per la formazione bergamasca[6]). Anche nei due campionati seguenti con i bergamaschi si mantiene su buoni livelli, venendo poi acquistato dall'Ambrosiana-Inter[7]. Con i neroazzurri milanesi mantiene la vena realizzativa, ma gli eventi della seconda guerra mondiale che interrompono i campionati gli impediscono di imporsi definitivamente.

Dopo il conflitto torna per una stagione al Piacenza[7], nella Serie B-C Alta Italia 1945-1946: mette a segno 12 reti in 22 partite e conquista il quarto posto nel girone A. A fine stagione viene ceduto al Genoa[8], ma numerosi infortuni ne frenano l'attività[9], anche nella successiva esperienza al Monza in Serie C. Dopo tre stagioni nella natia Russi, conclude la carriera nella Vimercatese[9], nelle serie minori.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atalanta: 1939-1940

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stagione 1936-1937 Storiapiacenza1919.it
  2. ^ Statistiche su Lastoriadellareggiana.it
  3. ^ Fanfulla-Piacenza 2-1 - Stagione 1937-1938 Storiapiacenza1919.it
  4. ^ Acquisti e cessioni 1938-1939 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ Storie brevi dei giocatori della Lazio e del Torino, Il Littoriale, 1º novembre 1938, pag.4
  6. ^ GARA NUMERO 1000 IN CADETTERIA PER L'ATALANTA Archiviato il 20 febbraio 2014 in Internet Archive. Legaserieb.it
  7. ^ a b Acquisti e cessioni Inter 1940-1950 Archiviato il 25 settembre 2011 in Internet Archive. storiainter.com
  8. ^ Acquisti e cessioni 1946-1947 Storiapiacenza1919.it
  9. ^ a b G.Bottazzini, C.Fontanelli, Piacenza90: partite, protagonisti, immagini, GEO Edizioni, pag.123

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Giovanni Gaddoni, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.