Giovanni Costanzo Caracciolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Costanzo Caracciolo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (not a bishop).svg
Incarichi ricoperti
Nato 19 dicembre 1715 a Napoli
Ordinato diacono 25 maggio 1760
Creato cardinale 24 settembre 1759 da papa Clemente XIII
Deceduto 22 settembre 1780 (64 anni) a Roma

Giovanni Costanzo Caracciolo (Napoli, 19 dicembre 1715Roma, 22 settembre 1780) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Costanzo Caracciolo, figlio di Carmine Nicolò, principe di Santobono e viceré del Perù, e Costanza Ruffo, duchessa di Bagnara, apparteneva ad una nobile famiglia napoletana che diede alla Chiesa altre sette cardinali: Antonio Maria Ruffo, Marino Ascanio Caracciolo, Innico Caracciolo seniore, Innico Caracciolo iuniore, Niccolò Caracciolo, Diego Innico Caracciolo di Martina e Filippo Giudice Caracciolo.

Fu creato cardinale-diacono da papa Clemente XIII nel concistoro del 24 settembre 1759. Il 19 novembre 1759 ottenne il titolo cardinalizio di San Cesareo in Palatio; il 12 dicembre 1770 optò per quello di Sant'Eustachio.

Il 20 aprile 1760 ricevette gli ordini minori; il 27 aprile e il 25 maggio dello stesso anno fu ordinato suddiacono e diacono.

Nel maggio 1765 fu nominato prefetto del tribunale della Segnatura Apostolica, incarico che mantenne fino alla morte.

Come cardinale partecipò a due conclavi: quello del 1769, che portò all'elezione di papa Clemente XIV; e quello del 1774-1775, che portò all'elezione di papa Pio VI.

Morì il 22 settembre 1780 a Roma. I suoi resti riposano nella basilica di Sant'Eustachio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89087698 · GND (DE102303199X