Giorgio Nebbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Nebbia

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
Sinistra Indipendente
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature X
Gruppo
parlamentare
Sinistra Indipendente
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Sinistra Indipendente
Titolo di studio Laurea in Chimica
Università Università degli Studi di Bologna
Professione Professore Universitario

Giorgio Nebbia (Bologna, 23 aprile 1926Roma, 4 luglio 2019) è stato un ambientalista, politico e chimico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in chimica nel 1949, fu assistente del prof. Walter Ciusa all'Università di Bologna fino al 1959, anno in cui divenne professore ordinario di merceologia presso Facoltà di Economia dell'Università di Bari, incarico mantenuto fino al 1995 per poi divenire professore emerito. Ottenne le lauree honoris causa in scienze economiche e sociali dall'Università del Molise e in economia e commercio dagli atenei di Bari e Foggia[1].

Giorgio Nebbia svolse attività di ricerca nell'ambito della merceologia, con particolare riferimento all'analisi del ciclo delle merci. Si occupò di ambientalismo e risorse naturali, studiando l'energia solare e la dissalazione delle acque, temi sui quali pubblicò numerosi contributi scientifici[2].

Insieme ad altri appassionati, tra cui Antonio Rini, fondò nel 1969 l'Associazione Barese Astrofili[3] che per anni formò giovani e adulti al rigore metodologico scientifico.

In campo politico fu sempre su posizioni ambientalistiche e di Sinistra, battendosi in particolare contro l'idea, risorgente anche dopo il disastro di Chernobyl[4] e i Referendum (8-9 novembre 1987 e 12-13 giugno 2011) che bandirono le centrali nucleari in Italia, di rilanciare il nucleare considerandolo come energia pulita e sicura. Venne eletto alla Camera dei deputati per la IX Legislatura (1983 al 1987)[5] e, poi, al Senato per la X legislatura della Repubblica Italiana (dal 1987 al 1992)[6].

L'archivio Giorgio e Gabriella Nebbia è ospitato presso il centro di storia dell'Ambiente della Fondazione Luigi Micheletti[7].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte
«[8]»
— Roma, 31 luglio 1973

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Piccioni, Alla ricerca di una storia dell'ambientalismo italiano: il contributo di Giorgio Nebbia e Franco Pedrotti, in «Società e Storia», rivista della FrancoAngeli, 2009, fasc. 124 (online)
  • Una bibliografia dei lavori di Giorgio Nebbia, Università degli Studi di Bari, Bari 1997.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9050651 · ISNI (EN0000 0003 7412 2505 · LCCN (ENn93008439 · WorldCat Identities (ENn93-008439