Gestione governativa navigazione laghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gestione Governativa dei Servizi Pubblici di Linea di Navigazione sui Laghi Maggiore, di Garda e di Como
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà pubblica
Fondazione1957 a Roma
Fondata daGoverno italiano
Sede principaleMilano
Persone chiave
  • Renato Poletti, gestore governativo
  • Alessandro Acquafredda, direttore generale
SettoreTrasporto
ProdottiTrasporto pubblico locale
Fatturato76.592.253,49 € (2017)
Utile netto12.411.153,49 € (2017)
Dipendenti698 (2015)

Gestione Governativa dei Servizi Pubblici di Linea di Navigazione sui Laghi Maggiore, di Garda e di Como è un ente governativo italiano che si occupa della gestione dei servizi pubblici di navigazione del Lago Maggiore, del Lago di Como e del Lago di Garda.

Dipende dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Gestione Governativa venne istituita presso il Ministero dei Trasporti - Ispettorato Generale della Motorizzazione Civile e dei Trasporti in Concessione con Legge 614/57, in quanto le società concessionarie private che fino allora erogavano il servizio di navigazione lacustre, non erano più in grado di assicurarne il corretto espletamento, a causa dei danni subiti alla flotta e agli impianti fissi lacuali a seguito della seconda guerra mondiale: infatti, già dal 1948, lo Stato assicurava, tramite Gestione Commissariale, il normale servizio di navigazione.

Con il D.Lgs 422/97 viene previsto che la gestione del servizio di navigazione venisse trasferita alle Regioni interessate ed alla Provincia di Trento ma tale norma non è mai stata attuata[1].

Numeri[2][modifica | modifica wikitesto]

Bandiera di bompresso della motonave Daino.

Nel 2010 ha prodotto ricavi per un totale di 30 milioni di euro, a fronte però di costi per circa 60 milioni, motivo per cui riceve ogni anno un contributo da parte dello Stato pari a 19 milioni di euro nel 2012 (26 circa negli anni precedenti)[3].

Ha trasportato circa 6-7 milioni di passeggeri nel 2016.[4] grazie ad una flotta di 97 natanti[5] (28 sul lago di Garda, 33 sul lago di Como, 36 sul lago Maggiore) che toccano 113 scali con il lavoro di 800 dipendenti.

Nel 2017 ha trasportato circa 9.7 milioni di passeggeri.

Nel 2018 viene annunciato un piano per la ristrutturazione della flotta con la costruzione di una motonave da 250 posti ad alimentazione diesel elettrica per il lago maggiore (che arriverà nel 2019) e una gara per la costruzione di 3 motonavi ad alimentazione diesel elettrica ibrido per tutti e 3 i laghi.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Gestione Navigazione Laghi ha Direzione Generale a Milano e Direzioni di Esercizio ad Arona, Como e Desenzano del Garda.

Interloquisce con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tramite Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici - Direzione Generale per il Trasporto Marittimo e per Vie d'Acqua Interne[6].

Possiede una flotta di 97 natanti suddivisi in 28 sul lago di Garda, 33 sul lago di Como e 36 sul lago Maggiore.

La flotta è composta da piroscafi, motonavi, aliscafi, catamarani e traghetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ camera.it
  2. ^ senato.it
  3. ^ camera.it
  4. ^ regione.lombardia.it[collegamento interrotto]
  5. ^ nuovitinerari.it. URL consultato il 19 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2015).
  6. ^ mit.gov.it

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]