Frans de Waal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frans de Waal

Fransiscus Bernardus Maria de Waal, conosciuto semplicemente come Frans de Waal ('s-Hertogenbosch, 29 ottobre 1948), è un etologo e primatologo olandese. La sua attività scientifica verte principalmente sullo studio comportamento sociale dei primati, in particolare scimpanzé e bonobo. È professore di Primate behavior (comportamento dei primati) presso la Emory University, direttore del Living Links Center presso lo Yerkes National Primate Research Center e membro della Koninklijke Nederlandse Akademie van Wetenschappen e della National Academy of Sciences. È inoltre autore di molti libri divulgativi su bonobo e scimpanzé.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nel 1948 nella città di 's-Hertogenbosch, nei Paesi Bassi. Studia presso la Radboud Universiteit Nijmegen e l'Università di Groninga. Nel 1977 ottiene il PhD presso l'Università di Utrecht con una tesi sui comportamenti aggressivi nei macachi[1]. Nello stesso periodo inizia un progetto di studio degli scimpanzé in cattività, che si conclude nel 1981, quando si trasferisce negli Stati Uniti come ricercatore presso il National Primate Research Center, nel centro di ricerca regionale del Wisconsin. Nel 1991 inizia la sua collaborazione con l'Università Emory[2].

Diventa membro nel 1993 dell'Accademia Reale delle Arti e delle Scienze dei Paesi Bassi e nel 2004 della National Academy of Sciences statunitense[3]. Nel 2007 la rivista Time magazine lo inserisce nella lista delle 100 persone più influenti del mondo[4].

Attività scientifica e divulgativa[modifica | modifica wikitesto]

L'attività scientifica di Frans de Waal è volta ad indagare l'etologia dei primati. In particolare i suoi studi si sono concentrati sui sistemi di risoluzione dei conflitti nelle specie Pan troglodytes (scimpanzé comune) e Pan paniscus (bonobo).

Dal 1975 al 1981 conduce un'osservazione di un gruppo di scimpanzé in cattività presso lo zoo di Arnhem. Da questa osservazione ricaverà materiale per diversi articoli scientifici e per il suo primo libro, Chimpanzee Politics, uscito nel 1982, nel quale gli scimpanzé vengonbo definiti machiavellici[5].

Una volta negli stati uniti prosegue le sue osservazioni presso lo zoo di San Diego. Tali osservazioni lo portano a formulare alcune importanti ipotesi relative al comportamento di scimpanzé e bonobo, sintetizzate nel libro Peacemaking among primates, del 1989, vincitore del Los Angeles Times Book Award[6].

De Waal in seguito ha studiato i comportamenti dei primati in chiave evolutiva, paragonando questi primati all'uomo in base ad una corrente di pensiero nota come antropomorfizzazione[4]. In particolare osservando i bonobo de Waal ritiene di poter riconoscere una serie di comportamenti e sentimenti, quali altruismo, compassione, empatia, gentilezza, pazienza e sensibilità, fino ad allora associati esclusivamente alla specie umana[7]. Col suo libro del 1997, Our inner ape (la scimmia dentro di noi) de Waal porta avanti il parallelismo tra l'uomo e il bonobo, riconoscendo in questo primate la radice dei comportamenti umani più complessi, che ritiene quindi dovessero essere già presenti, seppur abbozzati, nell'antenato comune che lega i generi Homo e Pan[8].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad essere accettato come membro nella Koninklijke Nederlandse Akademie van Wetenschappen (Accademia Reale delle Arti e delle Scienze dei Paesi Bassi) e nella National Academy of Sciences, de Waal ha ricevuto diversi importanti riconoscimenti per la sua attività sia nel campo delle scienze che della divulgazione[9]:

Fellowship[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti accademici[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Tradotti in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • LaTerza Frans de Waal, La politica degli scimpanzé. Potere e sesso tra le scimmie, 1984 [1982], ISBN 978-8842024637.
  • Frans de Waal, Far la pace tra le scimmie., Rizzoli, 1991 [1989].
  • Frans de Waal, Naturalmente buoni. Il bene e il male nell'uomo e in altri animali, Garzanti, 1° gennaio 2001 [1° aprile 1996], ISBN 978-8811676126.
  • Frans de Waal, La scimmia e l'arte del sushi. La cultura nell'uomo e negli altri animali, Garzanti, 15 novembre 2002 [maggio 2000], ISBN 978-8811662341.
  • Frans de Waal, La scimmia che siamo. Il passato e il futuro della natura umana, garzanti, 26 ottobre 2006 [6 ottobre 2005], ISBN 978-8811600435.
  • Frans de Waal, Primati e filosofi. Evoluzione e moralità, Garzanti, 12 giugno 2008 [5 settembre 2006], ISBN 978-8811740810.
  • Frans de Waal, L'età dell'empatia. Lezioni dalla natura per una società più solidale, Garzanti, 12 maggio 2011 [settembre 2009], ISBN 978-8811741176.
  • Frans de Waal, Il bonobo e l'ateo - In cerca di umanità fra i primati, Raffaello Cortina editore, 2013, ISBN 978-8860306005.

In inglese[modifica | modifica wikitesto]

  • Frans de Waal, Chimpanzee Politics: Power and Sex among Apes, Londra, Jonathan Cape, 1982, ISBN 978-0224018746.
  • Frans de Waal, Peacemaking among Primates, Harvard University Press, 1989, ISBN 978-0674659216.
  • Frans de Waal, Good Natured: The Origins of Right and Wrong in Humans and Other Animals, Harvard University Press, 1° aprile 1996, ISBN 978-0674356603.
  • Frans de Waal, Frans Lanting, Bonobo: The Forgotten Ape, University of California Press, 23 maggio 1997, ISBN 978-0520205352.
  • Frans de Waal, The Ape And The Sushi Master Reflections Of A Primatologist, Basic Books, maggio 2000, ISBN 978-0465041756.
  • Frans de Waal, My Family Album: Thirty Years of Primate Photography, University of California Press, ottobre 2003, ISBN 978-0520236158.
  • Frans de Waal, Our Inner Ape: A Leading Primatologist Explains Why We Are Who We Are, Riverhead Books, 6 ottobre 2005, ISBN 978-1573223126.
  • Frans de Waal, Primates and Philosophers: How Morality Evolved, Princeton University Press, 5 settembre 2006, ISBN 978-0691124476.
  • Frans de Waal, The Age of Empathy: Nature's Lessons for a Kinder Society, Harmony Books, settembre 2009, ISBN 978-0307407764.
  • Frans de Waal, The Bonobo and the Atheist: In Search of Humanism Among the Primates, W. W. Norton & Company, 25 maggio 2013, ISBN 978-0393073775.

Articoli divulgativi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ de Waal Frans B. M., The Organization of Agonistic Relations within two Captive Groups of Java-monkeys (Macaca fascicularis), in Zeitschrift für Tierpsychologie, vol. 44, nº 3, pp. 225-82, DOI:10.1111/j.1439-0310.1977.tb00995.x, PMID 412345.
  2. ^ Dr. Frans B.M. de Waal, Living Links Center. URL consultato il 12 maggio 2012.
  3. ^ Frans B. M. de Waal C. H. Candler Professor of Primate Behavior, Emory University. URL consultato il 12 maggio 2012.
  4. ^ a b Frans de Waal, in The TIME 100, Time, 3 maggio 2007. URL consultato il 12 maggio 2012.
  5. ^ Frans de Waal, Chimpanzee Politics: Power and Sex among Apes, Londra, Jonathan Cape, 1982, ISBN 978-0224018746.
  6. ^ Frans de Waal, Peacemaking among Primates, Harvard University Press, 1989, ISBN 978-0674659216.
  7. ^ Frans B. M. de Wall, Sesso e società nei bonobo (PDF), in Le Scienze, nº 321, 1985, pp. 72-79.
  8. ^ Frans B. M. de Waal, Our Inner Ape, Riverhead Books, 6 ottobre 2005, ISBN 978-1573223126.
  9. ^ Curriculum di Frans de Waal (PDF), emory.edu. URL consultato il 12 maggio 2012.
  10. ^ Premi Ig Nobel 2012: quando la scienza si fa improbabile, Le Scienze, 21 settembre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  11. ^ The 2012 Ig Nobel Prize Winners, Annals of th Improbable Research. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  12. ^ de Waal Frans B.M., Pokorny Jennifer J., Faces and Behinds: Chimpanzee Sex Perception, in Advanced Science Letters, vol. 1, nº 1, American Scientific Publishers, giugno 2008, pp. 99-103, DOI:10.1166/asl.2008.006.
  13. ^ Premio Letterario Galileo 2014. Il vincitore, da padovacultura.padovanet.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN108331967 · LCCN: (ENn82002623 · SBN: IT\ICCU\CFIV\048600 · ISNI: (EN0000 0001 2146 9316 · GND: (DE120515164 · BNF: (FRcb12095680n (data) · NLA: (EN54956742