Frank Luther Mott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Frank Luther Mott (Rose Hill, 4 aprile 1886Columbia, 23 ottobre 1964) è stato uno storico e giornalista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Rose Hill, nello stato statunitense dell'Iowa, studiò al Simpson College di Indianola. Frequentò l'università di Chicago e al termine fu giornalista prima del Marengo Republican e poi del Grand Junction Globe.[1]

Ottenne un Master of Arts alla Columbia University, coniò il termine fotogiornalismo nel 1924[2]

Nel 1939 venne premiato con il premio Pulitzer per la storia per A History of American Magazines, e vinse il premio Bancroft nel 1958 per la medesima opera.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Editor, Interpretations of Journalism: A Book of Readings with Ralph D. Casey 1937.
  • A History of American Magazines, 1938.
  • Golden Multitudes: the Story of Best Sellers in the United States, 1947.
  • The Old Printing Office with John DePol, 1962.
  • American Journalism, a History, 1690-1960, 1962.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Heinz-Dietrich Fischer, American history awards 1917-1991: from colonial settlements to the civil rights movement, Volume 7, pag 95, Walter de Gruyter, 1994, ISBN 978-3-598-30177-3.
  2. ^ (EN) Stroebel, Leslie D. and Richard D. Zakia. The Focal Encyclopedia of Photography. Boston: Focal Press, 1993. - Ciò è molto contestato, altri sostengono che furono Clifton C. Edom, Henry Luce, o altri fotoreporter.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54273373 · ISNI (EN0000 0001 2133 6070 · LCCN (ENn82242614 · BNF (FRcb12750240g (data) · NDL (ENJA00524608 · WorldCat Identities (ENn82-242614