Franco Piro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il politico del Partito Democratico, vedi Francesco Piro.
Franco Piro

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX, X, XI
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Coalizione Pentapartito
Circoscrizione Emilia Romagna
Collegio Bologna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Professione docente universitario

Franco Piro (Cosenza, 23 luglio 1948Bologna, 20 febbraio 2017) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '70 fu dirigente a Bologna di Potere Operaio. Quando l'organizzazione cessò di esistere, entrò nel Partito Socialista Italiano. Viene eletto alla Camera dei deputati per tre legislature, rispettivamente nella IX, X e XI legislatura dal 1983 al 1994.

Nel 1994, in seguito alla dissoluzione del Partito Socialista Italiano, insieme ad altri esponenti del partito dà vita alla Federazione dei Socialisti, che nella lista Socialisti per la Libertà ottenne lo 0,46% nella quota proporzionale della Camera[1] e non fu più ripresentata alle successive elezioni europee dello stesso anno.[2]

Aderisce quindi al Partito Socialista e al Nuovo PSI, con il quale si candida a sindaco in occasione delle elezioni comunali a Bologna del 2004.

In vista delle elezioni politiche italiane del 2006, Piro passa a I Socialisti di Bobo Craxi ed è capolista al Senato nella regione Emilia-Romagna, senza tuttavia essere eletto.

Deputato disabile in carrozzella, affetto da poliomielite, fu padre della legge 104/92, si batté spesso per i diritti dei disabili.

Muore improvvisamente nella notte del 20 febbraio 2017 all'età di 68 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Elections Italie 1994, europe-politique.eu. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  2. ^ Ecco le liste per le europee (Corriere della Sera). URL consultato il 9 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79044975 · ISNI (EN0000 0000 7829 9621 · LCCN (ENn81096474 · GND (DE118865331 · BNF (FRcb12025951f (data) · WorldCat Identities (ENn81-096474