Franco Luison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Luison
Franco Luison.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168[1] cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1969
Carriera
Giovanili
600px Giallo e Verde.png Plateola
Squadre di club1
1953-1959 L.R. Vicenza 38 (0)
1959-1960 Rimini 21 (0)
1960-1961 Triestina 22 (0)
1961-1969 L.R. Vicenza 153 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 agosto 2007

Franco Luison (Piazzola sul Brenta, 15 luglio 1934Piazzola sul Brenta, 25 settembre 2012) è stato un calciatore italiano che ha giocato come portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passò al neonato Lanerossi Vicenza nel 1953, proveniente dal Plateola di Piazzola sul Brenta e con la squadra primavera guidata da Umberto Menti fu il portiere che conquistò per due volte il Torneo di Viareggio.

Con la maglia biancorossa fece il suo debutto in Serie B il 31 gennaio 1954 a nemmeno 20 anni contro il Pavia, collezionando a fine stagione 5 presenze. Nell'anno della promozione in Serie A fa da secondo per tutto il campionato a Lucidio Sentimenti. Il 26 dicembre 1955 esordì in massima serie contro la Pro Patria a Busto Arsizio, ma continuò a fare il secondo al grande Sentimenti fino al 1957.

Solo dal campionato 1957-58 cominciò ad avere più spazio in prima squadra, alternandosi però con Bazzoni e Battara, nell'ottimo campionato che il Lanerossi termina al settimo posto. I due portiere gli vengono poi preferiti per tutta la stagione successiva e nel 1959 è ceduto in prestito alla Triestina appena retrocessa, dove rimase due stagioni.

Rientrato dal prestito, faticò ancora a trovare posto da titolare, condividendo la casacca numero 1 ancora con Bazzoni: solo l'anno seguente, dopo aver compiuto 28 anni, si afferma come titolare, vivendo da protagonista l'epoca del Vicenza di Vinicio.

Proprio nella stagione in cui il brasiliano è capocannoniere gli viene inizialmente preferito Adriano Reginato, giocando poco meno di metà campionato. Tornato titolare, al termine della stagione 1966-67 è tuttavia lasciato libero, venendo poi richiamato nel 1968 a campionato in corso. Il suo ritorno avviene il 13 ottobre di quell'anno contro il Torino: determinanti le sue parate nello 0-0 finale, ma soprattutto rimane nella memoria degli appassionati di calcio l'acrobazia con cui salva il risultato al 69°. Leggermente fuori dai pali, per salvare un cross deviato da un difensore, arretra effettuando un'acrobatica rovesciata sulla linea di porta. Determinante per la stagione biancorossa il suo apporto, non è titolare ma quando scende in campo (lo farà in 14 occasioni) è sempre all'altezza della situazione nonostante i 35 anni. Lascia il calcio al termine della stagione.

In carriera ha totalizzato complessivamente 186 presenze in Serie A e 27 in Serie B. Per oltre 30 anni ha detenuto il record di portiere con il maggior numero di presenze nel Vicenza, quasi 200, quota superata dopo il 2000 da Giorgio Sterchele.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Muore il 25 settembre 2012 nella sua casa di Piazzola sul Brenta all'età di 78 anni[2][3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

L.R. Vicenza: 1954-1955

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Dalan,Un secolo gialloverde, Edizioni PaperGraf, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Franco Luison, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.