Francesca Serafini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesca Serafini (Roma, 17 maggio 1971) è una scrittrice e sceneggiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Linguista di formazione, è allieva di Luca Serianni, con il quale ha collaborato (insieme a Giordano Meacci) curando tra le altre cose il saggio L'italiano letterario. Poesia e prosa (Città di Castello, Edimond, 2011) per la Storia della lingua italiana per immagini.

Ha cominciato la sua attività di sceneggiatrice scrivendo la serie La squadra.

Con Claudio Caligari e Giordano Meacci ha scritto la sceneggiatura di Non essere cattivo, candidata al David di Donatello 2016. Nel 2016 il film è stato selezionato come candidato italiano al Premio Oscar, e ha vinto il Nastro d’argento come film dell’anno.

Sempre con Giordano Meacci ha scritto la sceneggiatura di Fabrizio De André - Principe libero. Ha curato poi la supervisione tra le altre cose della webserie La strategia dell’acqua scritta con gli allievi del corso Web Series Lab (Rsi) e diretta da Fabio Pellegrinelli.

Insieme a Valerio Mastandrea, Luca Marinelli, Alessandro Borghi e altri collaboratori alla realizzazione di Non essere cattivo ha preso parte al documentario Se c’è un aldilà sono fottuto. Vita e cinema di Claudio Caligari di Simone Isola e Fausto Trombetta, candidato ai David di Donatello 2020. In occasione dei premi Flaiano 2021, riceve il premio per la sceneggiatura televisiva per Carosello Carosone[1].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Punteggiatura 2: Storia, regole, eccezioni, Rizzoli 2001, nella collana Holden Maps diretta da Alessandro Baricco.
  • David Mamet: uno sconosciuto di fama mondiale, in Tre usi del coltello, minimum fax, 2002.
  • Questo è il punto: istruzioni per l’uso della punteggiatura, Laterza 2012.
  • Di calcio non si parla, Bompiani 2014.
  • Lui, io, noi (con Dori Ghezzi e Giordano Meacci), Einaudi, 2018
  • Tre madri, La nave di Teseo, 2021

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Isabella Insolia, Premi Flaiano 2021: tutti i premiati della 48ª edizione, su Shockwave, 21 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39627256 · ISNI (EN0000 0000 5311 2832 · SBN TSAV014958 · LCCN (ENnr2001052311 · GND (DE1041721838 · BNF (FRcb14605384n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr2001052311