Fort Defiance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fort Defiance
CDP
(EN) Fort Defiance, Arizona
Fort Defiance – Veduta
Fort Defiance, Nuovo Messico (ora Arizona) di Seth Eastman (1808 – 1875), dipinto nel 1873
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Arizona.svg Arizona
ConteaApache
Territorio
Coordinate35°44′30.84″N 109°04′01.2″W / 35.7419°N 109.067°W35.7419; -109.067 (Fort Defiance)Coordinate: 35°44′30.84″N 109°04′01.2″W / 35.7419°N 109.067°W35.7419; -109.067 (Fort Defiance)
Altitudine2 084 m s.l.m.
Superficie9,82 km²
Abitanti3 624 (2010)
Densità369,04 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale86504
Prefisso928
Fuso orarioUTC-7
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Fort Defiance
Fort Defiance
Fort Defiance – Mappa

Fort Defiance (in navajo: Tséhootsooí) è un census-designated place (CDP) degli Stati Uniti d'America della contea di Apache nello Stato dell'Arizona. La popolazione era di 3.624 abitanti al censimento del 2010.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Fort Defiance è situata a 35°44′30.84″N 109°04′01.2″W / 35.7419°N 109.067°W35.7419; -109.067 (35.7419, -109.067)[1].

Secondo lo United States Census Bureau, la città ha una superficie totale di 9,82 km², dei quali 9,82 km² di territorio e 0 km² di acque interne (0% del totale).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La terra su cui Fort Defiance venne istituito fu notata per la prima volta dall'esercito statunitense quando il colonnello John Washington si fermò lì durante il suo viaggio di ritorno da una spedizione al Canyon de Chelly. Fort Defiance fu fondato il 18 settembre 1851 dal colonnello Edwin Vose Sumner per creare una presenza militare a Diné bikéyah (territorio Navajo). Sumner ruppe il forte a Santa Fe per questo scopo, creando il primo posto militare in quella che ora è l'Arizona. Lasciò il maggiore Electus Backus in comando.

Fort Defiance è stato costruito su terreni da pascolo di valore che il governo federale ha quindi vietato l'uso ai Navajo. Di conseguenza, il forte appropriatamente chiamato sperimentò intensi combattimenti, culminando in due attacchi, uno nel 1856 e un altro nel 1860. L'anno successivo, all'inizio della guerra civile americana, l'esercito abbandonò Fort Defiance. Le continue incursioni dei Navajo nell'area portarono il generale di brigata James Henry Carleton a inviare Kit Carson per imporre l'ordine. Il forte fu ricostituito come Fort Canby nel 1863 come base per le operazioni di Carson contro i Navaho. La "soluzione" del generale Carleton fu brutale: migliaia di Navajo affamati furono costretti a una Lunga marcia di 450 miglia (720 km) e internati nei pressi di Fort Sumner, Nuovo Messico, e gran parte del loro bestiame venne distrutto. Dopo il completamento di questa campagna nel 1864, il forte fu abbandonato ancora una volta e fu bruciato rimanendo i Navajo, con solo le sue mura rimanenti. Il trattato dei Navajo del 1868 permise agli internati di tornare in una parte della loro terra e quella di Fort Defiance fu ricostituita come agenzia indiana quell'anno. Nel 1870 fu istituita la prima scuola governativa per i Navajo.

Oggi, il sito di Fort Defiance è popolato da edifici risalenti agli anni 1930 ad oggi utilizzati da varie agenzie governative, tra cui il Bureau of Indian Affairs, l'Indian Health Service e la Riserva Navajo. Il più grande di questi edifici era il Fort Defiance Indian Hospital fino al 2002.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[2] del 2010, la popolazione era di 3.624 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica del CDP era formata dal 2,24% di bianchi, lo 0,06% di afroamericani, il 93,52% di nativi americani, l'1,24% di asiatici, lo 0,11% di oceanici, lo 0,19% di altre razze, e il 2,65% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 2,18% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ US Gazetteer files: 2010, 2000, and 1990, United States Census Bureau. URL consultato il 27 aprile 2018.
  2. ^ American FactFinder, United States Census Bureau. URL consultato il 27 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN144566009
Arizona Portale Arizona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Arizona