Figli miei, vita mia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Figli miei, vita mia
Titolo originaleMeus Filhos, Minha Vida
PaeseBrasile
Anno1984
Formatoserial TV
Generetelenovela
Puntate237
Durata60 minuti
Lingua originaleportoghese
Crediti
IdeatoreCrayton Sarzy, Henrique Lobo, Ismael Fernandes
RegiaAntonino Seabra, Jardel Mello, Henrique Lobo
SceneggiaturaIsmael Fernandes
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
MusicheJosé Moura
Casa di produzioneSBT
Prima visione
Prima TV originale
Dall'8 giugno 1984
All'8 marzo 1985
Rete televisivaSBT
Prima TV in italiano
Data1986
Rete televisivaTelevisioni locali

Figli miei, vita mia (Meus Filhos, Minha Vida) è una telenovela brasiliana del 1984 in 237 puntate (condensate in una versione di 162 nell'edizione italiana), ideata e scritta da Crayton Sarzy, Henrique Lobo e Ismael Fernandes e prodotta da SBT. Il cast comprende Miriam Pires, Raymundo de Souza, Denis Derkian e Carlo Briani nei ruoli principali.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è incentrata sulle vicissitudini di una vedova di San Paolo, Luzia, madre di tre giovani adulti, tutti maschi. Di fatto Figli miei, vita mia è divisa in due parti: nella prima varie e dolorose circostanze fanno sì che i quattro protagonisti per un periodo non possano rimanere direttamente in contatto tra loro. André, il figlio maggiore, promettente avvocato, pur di fare carriera sposa la ricca Olga, figlia di Pascoal e Yara, senza immaginare che il matrimonio si rivelerà un vero inferno: la donna, gelosa e possessiva al limite del patologico, prova inoltre avversione verso la famiglia del marito e a causa di ciò si mette in urto pure coi propri genitori. Mario, il figlio più giovane, è uno studente universitario di medicina che finisce in carcere a causa di alcune cattive compagnie e strane speculazioni. Pedro, l'altro figlio di Luzia, fa il meccanico in un'officina; coinvolto suo malgrado nei loschi traffici che hanno causato l'arresto del fratello, è costretto ad allontanarsi dalla città. In seguito alla condanna di Mario, che viene inviato in una colonia penale agricola, Olga impone ad André di non frequentare più sua madre, e l'uomo obbedisce rinnegando di fatto la famiglia di origine.

Così Luzia, che nel frattempo è stata licenziata, perde ogni possibilità di contatto diretto coi figli, restando inoltre senza soldi e senza casa. Ma dopo alcuni mesi la famiglia si riunirà: Olga, rimasta incinta, cambia atteggiamento e accetta finalmente Luzia come suocera; Mario torna libero e si riscatta unendosi in matrimonio con Rosa, l'assistente sociale che si è presa cura di lui; Pedro rientra a San Paolo e si lega sentimentalmente a Zilda, l'ex fidanzata di Mario. Olga muore nel partorire la piccola Cinzia; André inizia una relazione con Cleusa, l'ex cameriera della coppia.

Dopo aver risolto i problemi economici, Luzia andrà a vivere in una grande casa con André, Cleusa e Pedro, pronta ad affrontare con serenità il futuro, ma nuove nubi sono all'orizzonte. Adelaide Breno Guimares, ricchissima vedova che brama vendetta per la misteriosa morte del figlio Lauro avvenuta anni prima, è decisa a fare riaprire il processo nella speranza di vedere condannata la presunta colpevole e si rivolge dunque ad André, che ormai è un brillante e affermato avvocato: l'uomo accetta l'incarico senza sapere che la persona di cui Adelaide sospetta è Rosa. Inoltre il rapporto tra André e Cleusa viene messo alla prova a causa di Isabel, figlia di Adelaide, che si innamora di André nonostante sia anche lei fidanzata. In questa seconda parte della telenovela c'è anche spazio per storie secondarie, con l'introduzione di altri personaggi, diversi dei quali non interagiranno mai con Luzia e i suoi figli.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo scrittore Miguel M. Abrahão sostiene in Figli miei, vita mia un piccolissimo ruolo: è stata la sua unica prova di attore per la tv.
  • Nella telenovela appaiono anche, nel ruolo di loro stessi, la modella Heloísa Pinheiro e il conduttore televisivo Mauro Zukerman.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La telenovela è stata trasmessa in Italia dapprima sulle TV regionali a partire dal 1986 grazie alla ITB (una società di distribuzione che già aveva importato in Italia diversi cartoni animati giapponesi di successo), poi da Tv7 Pathè e Supersix nel corso degli anni 90, quindi da Donna TV nella stagione televisiva 2021-22.

Il doppiaggio, a cura di Bruno Cattaneo, è stato curato dalla società C R C con sede a Roma. La sigla italiana è Figli miei, vita mia, canzone eseguita dall'Orchestra Raul Casadei.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione