Ferdinando Truzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinando Truzzi
Ferdinando TRUZZI 1953 .jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, V, VI
Collegio Cremona-Mantova

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VII, VIII
Collegio Crema

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Professione agricoltore
Ferdinando Truzzi.jpg

Ferdinando Truzzi (Pegognaga, 26 aprile 1909Roma, 24 dicembre 2010) è stato un sindacalista e politico italiano.


Dal 1949 al 1983 fu presidente della Coldiretti di Mantova e assunse cariche anche a livello nazionale come uno dei più fedeli seguaci di Bonomi. Nell'eredità politica di questo grande leader prevalse la figura di Lobianco, mentre Truzzi si spostò su compiti operativi: la presidenza della Federconsorzi,che resse dal 1982 al 1988. Truzzi era assertore dell'autonomia gestionale della Federconsorzi, mentre Lobianco sosteneva la necessità di un ferreo controllo da parte della Coldiretti[1]

Come parlamentare, fu eletto deputato nel collegio Cremona Mantova per la Democrazia Cristiana I Legislatura Camera

Fu poi eletto senatore per il collegio di Crema:

l'11 luglio 83 per gli impegni in qualità di presidente della Federconsorzi[3][4] Era fiducioso di una ripresa della grande organizzazione degli agricoltori italiani[5]

Coinvolto nel procedimento penale per bancarotta, a seguito dell'insolvenza della Federconsorzi, fu poi prosciolto[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ s:Federconsorzi: storia di un'onta nazionale/II/8
  2. ^ Dimissioni Resoconto stenografico
  3. ^ Le dimissioni furono accettate in data 10 dicembre
  4. ^ secondo alcuni parlamentari vi era incompatibilità tra i due incarichi
  5. ^ parlamentare di inchiesta - Relazione finale
  6. ^ s:Federconsorzi: storia di un'onta nazionale/III/2
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie