Fagarè della Battaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fagarè della Battaglia
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
ComuneSan Biagio di Callalta-Stemma.png San Biagio di Callalta
Territorio
Coordinate45°42′25″N 12°25′36″E / 45.706944°N 12.426667°E45.706944; 12.426667 (Fagarè della Battaglia)Coordinate: 45°42′25″N 12°25′36″E / 45.706944°N 12.426667°E45.706944; 12.426667 (Fagarè della Battaglia)
Altitudine11 m s.l.m.
Abitanti1 680[1]
Altre informazioni
Cod. postale31042
Prefisso0422
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Marco evangelista
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fagarè della Battaglia
Fagarè della Battaglia

Fagarè della Battaglia è una frazione del comune di San Biagio di Callalta, in provincia di Treviso.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La borgata si raccoglie sulla riva destra del Piave. Altro corso d'acqua da citare è il canale Zero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva dal latino fagaretum, ovvero "bosco di faggi". In origine, dunque, Fagarè era una zona coperta da selve: l'opera di disboscamento, iniziata dopo l'anno Mille, si deve ai monaci benedettini del monastero di Santa Maria del Pero di Monastier, dal quale dipendeva l'attuale parrocchiale di San Marco.

Nel 1267 è citato il Castrum Fagaredi, un fortilizio medievale di cui oggi resta traccia nel toponimo Castello.

Già frazione di Zenson di Piave, passò a San Biagio di Callalta con il Regio Decreto del 15 novembre 1868.

Il predicato "della Battaglia" ricorda gli avvenimenti della Grande Guerra: dopo la Rotta di Caporetto, Fagarè si ritrovò lungo il fronte del Piave e fu pesantemente coinvolta nei combattimenti[2][3][4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale[modifica | modifica wikitesto]

Distrutta durante la Grande Guerra, venne ricostruita dopo il conflitto su progetto di Antonio Beni. Ricordo della dipendenza da Santa Maria del Pero è, sulla facciata, l'antica scritta Monachorum aere con lo stemma del monastero[5].

Ossario[modifica | modifica wikitesto]

Fotografia d'epoca del Monumento Sacrario di Fagarè della Battaglia

Progettato da Pietro Dal Fabro, vi riposano i resti di oltre diecimila caduti, dei quali 5.191 identificati e 5.350 ignoti; tra questi, le salme delle medaglie d'oro Francesco Mignone ed Ernesto Paselli. All'esterno, lungo le siepi di cinta, sono esposti due pezzi di muro provenienti da una casa posta presso la vecchia stazione: su questi i soldati lasciarono le celebri scritte "È meglio vivere un giorno da leone che cent'anni da pecora" e "Tutti eroi! O il Piave, o tutti accoppati!".

Originariamente, qui sorgeva solo un cippo disegnato da Alterige Giorgi con quattro bassorilievi (Allegoria della Vittoria) di Marcello Mascherini. Le sculture sono state risistemate sulle facciate esterne dopo la seconda guerra mondiale, essendo state nascoste dalla popolazione per sottrarle alle distruzioni dei soldati Tedeschi[5][6][7].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il centro sorge poco più a nord dell'antica strada Callalta, attuale SR 53 "Postumia". Altra arteria rilevante è la SP 57 "Destra Piave" che collega Giavera del Montello a Zenson di Piave, continuando poi in provincia di Venezia come SP 50 "Argine San Marco".

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

A sud del paese transita la ferrovia Treviso-Portogruaro e, presso l'abitato di Bocca Callalta, si trova la stazione di Fagarè, ricostruita in via Montello dopo la soppressione della precedente fermata in via Argine Piave.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In assenza di dati ufficiali precisi, si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia, reperibile nel sito della CEI.
  2. ^ Vivi la città - Comune di San Biagio di Callalta, 2003[collegamento interrotto].
  3. ^ Comune San Biagio di Callalta Battaglia del Solstizio, su www.comune.sanbiagio.tv.it. URL consultato l'08 gennaio 2018.
  4. ^ Comune San Biagio di Callalta Storia del Comune, su www.comune.sanbiagio.tv.it. URL consultato l'08 gennaio 2018.
  5. ^ a b Vivi la città - Comune di San Biagio di Callalta Archiviato il 24 giugno 2003 in Internet Archive..
  6. ^ L'ossario di Fagarè dal sito del Museo della Bonifica.
  7. ^ Comune San Biagio di Callalta Sacrario Militare, su www.comune.sanbiagio.tv.it. URL consultato l'08 gennaio 2018.