Soccorso Saloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Soccorso Saloni tratto da una fotografia d'epoca

Soccorso Saloni (Lecce, 8 maggio 1895Losson della Battaglia, 19 giugno 1918) è stato un militare italiano distintosi nella prima guerra mondiale.

Medaglia d'oro al valor militare alla memoria, gli è dedicata la Scuola Sottufficiali dell'Esercito di Viterbo, dove sono presenti cimeli che lo riguardano.

Arruolatosi al 1º febbraio 1915 come allievo sergente nel 7º Reggimento bersaglieri, fu promosso sergente nel gennaio 1916. Durante la Decima battaglia dell'Isonzo fu decorato di Medaglia di bronzo al valor militare.
Dopo il ripiegamento al Piave combatté valorosamente e fu promosso ad aiutante di battaglia per merito di guerra. Nell'estate passò ai nuovi nuclei d'assalto, prima al XIX poi al XXIII Reparto d'assalto fiamme cremisi.
Durante i combattimenti sul Sile, il 26 maggio 1918, fu decorato di Medaglia d'argento al valor militare.
Fu ferito all'inizio dell'offensiva austriaca del giugno 1918 ma rientrò al reparto ancora convalescente. Portatosi a Losson, ricevette l'ordine di contrattaccare. Ferito una prima volta, proseguì nell'assalto trascinando i suoi Arditi alla conquista delle posizioni nemiche, ove cadde colpito a morte.
Gli venne così conferita la Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Lapide commemorativa delle Medaglie d'Oro sepolte presso il Sacrario Militare di Fagarè (TV)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 marzo 1919 fu insignito della Medaglia d'oro al valor militare[1] alla memoria, con la seguente motivazione:

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Allo squillo di battaglia, ancora dolorante per una ferita, volontariamente usciva dall'ospedale e raggiungeva la prima linea. Alla testa della compagnia, balzava all'attacco, e, primo fra tutti, superava i reticolati avversari. Ferito ad un braccio, si slanciava ancora avanti, finché, colpito in pieno da una raffica cadeva, consacrando col suo puro sangue d'eroe la posizione conquistata»
— Losson - Basso Piave, 19 giugno 1918.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Saloni Soccorso, Presidenza della Repubblica. URL consultato l'8 dicembre 2014.