Fady Maalouf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fady Maalouf
Fady Maalouf-ColognePride 2011-7639.jpg
NazionalitàLibano Libano
Germania Germania
GenerePop
Soft rock
Soul
Pop latino
Swing
Periodo di attività musicale2008 – in attività
StrumentoVoce
Chitarra
EtichettaColumbia Records/Sony BMG
Fuego
Album pubblicati3
Studio3
Live-
Raccolte-
Sito ufficiale

Fady Maalouf (in arabo: فادي معلوف; trasl.: Fādī Maʿlūf; Zahle, 20 aprile 1979) è un cantante libanese, che vive e lavora in Germania.

Fady Maalouf a Colonia nel 2011

Cantante dedito ai generi pop, soft rock e soul[1][2] e professionalmente in attività dal 2008[2][3], ha pubblicato 3 album: Blessed (2008), Into the Light (2010) e City of Gold (2012).[4][5][6][7]. Il suo singolo di maggiore successo è Blessed del 2008.[3][8][9],

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e adolescenza[modifica | modifica wikitesto]

Fady Maalouf è nato a Zahle, in Libano, il 20 aprile 1979.[2][3]

Trascorre la sua infanzia, oltre che in Libano, anche in Francia e Grecia.[1] Da bambino, canta in un coro e prende lezioni di canto e pianoforte.[1]

La sua adolescenza è segnata guerra civile[2][3]: all’età di 13 anni, mentre sta giocando per strada con alcuni amici, viene seriamente ferito da una granata[2]. In seguito a quell’avvenimento, deve sottoporsi ad una serie infinata di interventi chirurgici[2] In un'intervista rilasciata anni dopo al settimanale tedesco BRAVO, Maalouf riferirà che il suo viso era rimasto completamente distrutto dalla deflagrazione e era in seguito deturpato dalle cicatrici[2], dichiarando:

(DE)

« Wenn du 13 bist, dann ist Aussehen für dich doch total wichtig. Ich habe mich fast ein ganzes Jahr in meinem Zimmer versteckt
und verlor total den Kontakt zu Außenwelt[2] »

(IT)

« Quando hai 13 anni, l'aspetto fisico ha per te grandissima importanza.
Ho passato quasi un anno intero rinchiuso nella mia stanza,
perdendo ogni contatto con il mondo esterno »

Nella sua difficile situazione, Maalouf trova conforto nella musica, in particolare nel suono della sua chitarra.[2] La "folgorazione" arriva ascoltando Céline Dion all’Eurovision Song Contest, dove la cantante canadese partecipa per la Svizzera con il brano Ne partez pas sans moi.[2].

All'età di 17 anni, Maalouf inizia a studiare moda e design[2] e, dividendosi tra Beirut e un paesino nei pressi di Bordeaux, in Francia[2] , svolge in seguito un tirocinio in questo settore nella sede parigina di una ditta libanese[2]. Il suo sogno è però quello di diventare un cantante.[2].

La nuova vita in Germania: la partecipazione a Deutschland sucht den Superstar e la carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Per realizzare questo sogno, Maalouf nel 2006 decide di lasciare il suo Paese, minato da nuovi venti di guerra[3], e di trasferirsi in Germania, precisamente ad Amburgo[2][3], dove vive il suo fratellastro[2]. Nella metropoli anseatica si guadagna inizialmente da vivere lavorando come cameriere in un bar.[2].

La grande occasione arriva nel 2007, quando decide di partecipare ai casting per la quinta edizione del talent show canoro Deutschland sucht den Superstar[2], prevista per l'anno seguente[2][3] e grazie alla quale si fa conoscere al grande pubblico. Nel talent, Maalouf ottiene il secondo posto alle spalle di Thomas Godoj[3]. In occasione dell'ultima puntata dello show, si esibisce, tra l'altro, interpretando il suo inedito Blessed.[3]

Nello stesso anno firma un contratto con la Columbia Records/Sony BMG[3] e pubblica il suo primo album che contiene questo inedito e che viene intitolato appunto Blessed[3] L'album, prodotto da Alex Christensen[2][9], raggiunge il secondo posto delle classifiche in Germania[2][3][10] Dall'album viene estratto anche il singolo omonimo, che pure raggiunge il secondo posto delle classifiche tedesche.[2][3].[9] In seguito, Maalouf realizza un altro sogno, quello di incontrare la sua cantante preferita, Céline Dion durante un concerto all'Olympiastadion di Monaco di Baviera.[9]

Nel marzo 2010, pubblica il suo secondo album, intitolato Into the Light: l'album non ottiene però il successo del precedente e si ferma soltanto al 33º posto delle classifiche tedesche e al 42° di quelle svizzere.[11] Dall'album viene estratto il singolo omonimo, che si ferma al 44º posto della classifiche tedesche.[12]

Nel 2012, pubblica quindi il suo terzo album,City of Gold, che esce stavolta su etichetta Fuego.[13]

Nell'estate 2014, il cantante rivela pubblicamente di soffrire da tempo di una grave malattia a livello muscolare, una fibromialgia cronica che gli provoca dolori tali (in particolare alla schiena) da costringerlo a rimanere lontano dalle scene.[14][15][16]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • Blessed (2008)
  • Into the Light (2010)
  • City of Gold (2012)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Blessed (2008)
  • Amazed
  • Into the Light (2010)
  • Wenn es still um uns wird... (2013; feat. C'est Lena!)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN80248216 · ISNI: (EN0000 0000 5775 1447 · GND: (DE135789664