Ezio Luzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ezio Luzzi

Ezio Luzzi (Santa Fe, 10 dicembre 1933) è un giornalista e conduttore radiofonico italiano; è considerato uno dei pionieri del giornalismo radiofonico italiano del dopoguerra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Cesare, nativo di Terracina, era emigrato con la famiglia in Argentina. Si era stabilito a Santa Fe dove aveva trovato lavoro come custode dello stadio del Club Atlético Colón. Qui nacque Ezio, ultimo di quattro figli. Nel 1937 la famiglia ritornò in Italia stabilendosi a Roma. Dopo i primi bombardamenti della Seconda guerra mondiale si trasferirono a Terni, dove abitava una zia materna. Qui Luzzi trascorse la giovinezza[1].

Dopo aver militato nelle giovanili della Ternana come portiere tra la fine degli anni quaranta e l'inizio dei cinquanta, appende le scarpette al chiodo e si dà al giornalismo sportivo. Il suo esordio in RAI avviene nel 1960, anno in cui inizia Tutto il calcio minuto per minuto, condotto allora da Roberto Bortoluzzi, seguito da Massimo De Luca e infine da Alfredo Provenzali. Le sue radiocronache hanno riguardato, soprattutto, le partite più importanti del campionato di Serie B. Insieme con lui prendevano i microfoni altre colonne storiche di Tutto il calcio: Claudio Ferretti, Sandro Ciotti ed Enrico Ameri.

Tra le trasmissioni da lui condotte: Radio anch'io sport in onda il lunedì mattina, Tentiamo il 13, Domenica Sport, Millevoci Sport e anche Ho perso il trend in coppia con Ernesto Bassignano, programma che trattava in modo ironico di politica e gossip. Ha anche curato varie rubriche e servizi per il Giornale Radio Rai, tra cui la pagina sportiva all'interno del GR2 Radiosera. Voce fissa della Nazionale italiana di calcio, Luzzi, con Ameri e Ciotti, ha preso parte a ben 8 edizioni dei Campionati del Mondo: da Messico 1970 a Francia 1998.

Negli anni novanta, Luzzi ha continuato le radiocronache in Tutto il calcio minuto per minuto occupandosi del campionato di Serie B. Successivamente alternava le radiocronache in Serie A e Serie B che lasciò nel 1995 per dedicarsi al coordinamento dei radiocronisti essendo stato nominato caporedattore dello sport di Radiorai, carica che mantenne fino al 1998 e che lasciò per raggiunti limiti di età.

Per la stagione successiva Luzzi prosegue come conduttore di Domenica sport e radiocronista dell'anticipo del sabato di serie b

Nel GR delle ore 7,30 del 27 luglio 1996, durante le Olimpiadi di Atlanta fu il primo a dare la notizia dell'attentato terroristico al Centennial Olympic Park, precedendo addirittura la CNN come sottolineò l'agenzia Ansa con una nota delle ore 13,39. Quella di Atlanta è stata l'ultima delle 8 Olimpiadi cui Luzzi ha partecipato durante la sua carriera ricca di soddisfazioni e anche di premi, tra i quali il Telegatto d'oro ricevuto dalle mani di Elettra Marconi, figlia di Guglielmo, durante la trasmissione musicale Roxy Bar di Red Ronnie. Ezio Luzzi è stato anche un volto televisivo: nel 1998 ha partecipato come ospite fisso alla trasmissione Telesogni condotta da Claudio Ferretti già voce storica di Tutto il calcio e anche del TG3, insieme ad Umberto Broccoli.

In quella veste l'allora direttore del gr paolo Ruffini lo nota e gli propone per la stagione 99- 2000 di affiancare il giornalista cantautore Ernesto Bassignano nella trasmisisone pomeridiana Ho perso il trend che prosegue sino al 2011 col compimento dei 65 anni di Ernesto Bassignano.

Nel gennaio 2010 torna al microfono di Tutto il calcio minuto per minuto, in occasione della puntata speciale per il cinquantesimo compleanno della trasmissione; nell'occasione affianca Emanuele Dotto a Genova per Genoa-Catania. Con l'inizio della stagione di Serie B 2011-2012, torna a commentare le partite del campionato cadetto all'interno di Sabato Sport, coadiuvato da Emanuele Dotto.

Curiosità:

  1. Luzzi fa divertire il pubblico di Radio1, parlando in modo ironico di politica e di gossip nel corso della trasmissione “Ho perso il trend”.
  2. Con il figlio Paolo (anche lui giornalista professionista dipendente del Tg La7 di Cairo), è direttore-editore dell'emittente radiofonica locale romana “Elleradio” di www.elleradio.it (un tempo conosciuta come “Nuova spazio Radio”).
  3. Ezio e Paolo Luzzi sono ideatori del campionato nazionale della comunicazione “High School Radio” ufficializzato dal MIUR e progetto dedicato alle scuole secondarie di secondo grado. Grazie a ciò, i ragazzi di ogni parte d’italia possono andare in onda sull’emittente e creare una loro trasmissione radiofonica.
  4. Ezio Luzzi è noto anche per il suo intercalare "Bene, grazie!" rientrando in studio dai collegamenti esterni.
  5. Recentemente al suo fianco nelle conduzioni radiofoniche si è unita la giovane nipote Isabella Luzzi, diventata da poco giornalista professionista poiché motivata dalla passione di voler seguire, così, le orme del padre e del nonno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ezio Luzzi, Tutto il mio calcio minuto per minuto. Mondiali, olimpiadi e altre storie, Baldini&Castoldi, 2020, pp. 55-57.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie