Eto Soldani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eto Soldani
EtoSoldani.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Termine carriera 1952
Carriera
Giovanili
????non conosciuta Uliveto
????Pisa
Squadre di club1
1939-1942Pisa70 (1)
1942-1943Livorno9 (0)
1944Asti17 (0)
1945-1948Livorno108 (0)
1948-1951Napoli87 (5)
1951-1952Siena? (?)
????non conosciuta San Frediano? (?)
Carriera da allenatore
????non conosciuta San Frediano
????non conosciuta Uliveto
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Eto Soldani (Uliveto Terme, 9 aprile 19223 luglio 2015) è stato un calciatore italiano, di ruolo terzino.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe calcisticamente nei dilettanti dell'Uliveto[2] e nel Pisa, esordendo in prima squadra nel 1939, in Serie B. Nel 1942 venne acquistato dal Livorno, approdando così in Serie A ed esordendo in massima serie il 14 marzo 1943 nella vittoria in trasferta a Roma contro la Lazio per 1-0. Dopo l'interruzione per causa bellica militò ancora nelle file labroniche fino al 1948, quando passò al Napoli: rimase in maglia azzurra per tre stagioni, piazzandosi nel campionato 1949-1950 al 1º posto in Serie B, guadagnando così la promozione in Serie A e nella stagione successiva, quella del 1950-1951 arrivando al 6º posto in Serie A.

Chiuse la carriera nelle serie minori, con Siena e San Frediano[2]; in quest'ultimo caso è stato anche allenatore della squadra[2]. Ha guidato poi l'Uliveto, sempre tra i dilettanti toscani, prima di interrompere l'attività per contrasti con la dirigenza[2].

In Serie A[3] collezionò complessivamente 111 presenze ed una rete.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Napoli: 1949-1950

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calcio amaranto in lutto: addio a Eto Soldani Archiviato il 5 luglio 2015 in Internet Archive.. 3 luglio 2015
  2. ^ a b c d Parla Eto Soldani: "La mia storia, da Sandokan a Picchi", Il Tirreno, 22 ottobre 2000
  3. ^ Si esclude dal computo l'anomalo torneo 1945-1946.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Eto Soldani, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.