Erna Morena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Foto dell'attrice scattata da Wanda von Debschitz-Kunowski

Erna Morena, nome d'arte di Ernestine Maria Fuchs (Wörth am Main, 24 aprile 1885Monaco di Baviera, 20 luglio 1962), è stata un'attrice tedesca, attiva soprattutto nel periodo del cinema muto, che ha partecipato a circa 104 pellicole tra il 1913 ed il 1951.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ancora diciassettenne, si diede allo studio della ceramica e della lavorazione orafa a Monaco di Baviera. In seguito si trasferì prima a Parigi e subito dopo a Strasburgo, dove accettò un lavoro da infermiera. Trasferitasi nuovamente a Berlino per accettare una nuova offerta di lavoro come infermiera, entrò a far parte della scuola di recitazione di Max Reinhardt tra il 1910 ed il 1911, diventando una assidua interprete degli allestimenti presso il Deutsches Theater[1].

La sua prima interpretazione cinematografica fu nella pellicola del 1913 Die Sphinx, per la regia di Eugen Illés direttore della LiterariaFilm, tra i due si creò un vero e proprio idillio artistico che durò per tutte le pellicole girate presso la casa di produzione Dukes-Filmgesellschaft. Nel 1914 l'attrice firmò un contratto per la casa di produzione Messter-Film GmbH, che creò un nuovo marchio appositamente per la Morena, la "Erna Morena Film Serie". Acclamata dalla critica per la sua capacità interpretativa anche per ruoli piuttosto scialbi, sposò il critico e musicista Wilhelm Herzog, che ideò per lei il nome d'arte di Erna Morena. Nel 1918 fondò una propria casa di produzione indipendente, la Morena Film GmbH, che entrò però in crisi già due anni dopo a causa della crisi economica scoppiata a seguito della Rivoluzione di novembre[1].

La tomba al cimitero Winthirfriedhof (Monaco di Baviera)

Per tutto il periodo del cinema muto l'attrice interpretò numerose pellicole, con la cadenza di quattro o cinque ogni anno. Di rilevante importanza sono la sua parte in due pellicole del 1921, Il cammino della notte di Friedrich Wilhelm Murnau e Il sepolcro indiano dell'austriaco Joe May. Tra i suoi ruoli, vi fu anche quello dell'imperatrice Elisabetta in Das Schicksal derer von Habsburg.

L'avvento del cinema sonoro la relegò sempre più a ruoli di secondaria importanza, nonostante la sua eccezionale forza interpretativa, e venne sempre più utilizzata in ruoli di donna avanti negli anni. Proprio per questo motivo, a partire dalla metà degli anni trenta, l'attrice si ritirò dal mondo del cinema per aprire una pensione per attori a Monaco di Baviera, partecipando unicamente a due pellicole: il discusso film di propaganda nazista di Veit Harlan Süss l'ebreo del 1940 e La dinastia indomabile dello stesso Harlan del 1951[1].

L'attrice morì nella città bavarese il 20 luglio 1962 all'età di 77 anni. Fu sepolta al Winthirfriedhof di Monaco accanto alla madre e non lontano dalla tomba del fratello Friedrich Fuchs.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Film Portal

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 17991969 · GND: 117143588 · BNF: cb16119520j (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie