Artur Berger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arthur Berger, conosciuto in seguito anche come Artur Semyonovich Berger (in russo Артур Семёнович Бергер) (Vienna, 27 maggio 1892Mosca, 11 gennaio 1981), è stato uno scenografo, regista e sceneggiatore austriaco che, nel 1936, emigrò nell'Unione Sovietica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Artur Berger nacque a Vienna nel 1892 da genitori israeliti. Sua madre era Pauline Beran, suo padre Simon Berger. Studiò grafica e arte a Vienna, dove ebbe come maestri i grandi architetti Josef Hoffmann e Oskar Strnad. Finiti gli studi, trovò lavoro insieme a suo fratello Josef e a Martin Ziegler a un progetto residenziale della Rotes Wien (Vienna la Rossa), come veniva chiamata in quegli anni la capitale austriaca che, dal 1918 al 1934, fu governata dai socialdemocratici.

Nel 1920, Berger passò a lavorare come architetto e scenografo per la Sascha-Film, la casa di produzione viennese fondata dal conte Sascha Kolowrat-Krakowsky. Lavorò alle scene di Prinz und Bettelknabe, una grossa produzione di Alexander Korda, versione cinematografica de Il principe e il povero. Curò le scenografie di alcuni film di Mihály Kertész, regista ungherese che sarebbe diventato in seguito famoso a Hollywood con il nome di Michael Curtiz. Firmò anche Café Elektric di Gustav Ucicky.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Scenografo (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Regista (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN301703808 · GND: (DE1056822317