Epinephelus itajara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cernia gigante atlantica
Itajara.JPG
Epinephelus itajara
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Serranidae
Sottofamiglia Epinephelinae
Genere Epinephelus
Specie E. itajara
Nomenclatura binomiale
Epinephelus itajara
Lichtenstein, 1822
Sinonimi

Serranus guasa, Serranus itajara

Nomi comuni

Cernia golia

La cernia gigante atlantica (Epinephelus itajara Lichtenstein, 1822) è un grande pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Serranidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Può raggiungere dimensioni estremamente grandi, può raggiungere i 2,5 m di lunghezza e può pesare fino a 360 kg. La cernia gigante atlantica si nutre di crostacei, polpi, giovani tartarughe marine, squali, barracuda e altri pesci. È nota per attaccare subacquei, ed alcuni esemplari sono stati visti scontrarsi anche con grandi squali limone.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il suo areale comprende le Florida Keys, le Bahamas, la maggior parte dei Caraibi, e in pratica tutta la costa brasiliana. In alcune occasioni, viene avvistato New England al largo del Maine e Massachusetts. Nella parte orientale dell'Oceano Atlantico, abita le coste comprese dal Congo al Senegal. Predilige le barriere coralline e le acque costiere comprese fra i 5 e i 50 m di profondità.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

L'IUCN considera la specie come vulnerabile, dovuto probabilmente alla sovrapesca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bertoncini, A.A., Aguilar-Perera, A., Barreiros, J., Craig, M.T., Ferreira, B. & Koenig, C., Epinephelus itajara, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]