Enfield - Oscure presenze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enfield - Oscure presenze
Titolo originaleThe Enfield Haunting
PaeseRegno Unito
Anno2015
Formatominiserie TV
Generehorror, giallo
Puntate3
Durata180 min
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
RegiaKristoffer Nyholm
SoggettoGuy Lyon Playfair (libro)
SceneggiaturaJoshua St. Johnston
Interpreti e personaggi
FotografiaRasmus Arrildt
MusicheBenjamin Wallfisch
ScenografiaJacqueline Abrahams
Produttore esecutivoJamie Campbell, Adrian Sturges, Joel Wilson, Cameron Roach
Casa di produzioneEleven Films
Prima visione
Prima TV originale
Dal3 maggio 2015
Al17 maggio 2015
Rete televisivaSky Living
Prima TV in italiano
Dal31 ottobre 2015
Rete televisivaDeejay TV

Enfield - Oscure presenze (The Enfield Haunting) è una miniserie televisiva britannica del 2015.

Si tratta di un horror soprannaturale che narra gli eventi noti come il Poltergeist di Enfield, basato sulle ricostruzioni del libro del 1980 This House Is Haunted, di Guy Lyon Playfair.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977, nel borgo londinese di Enfield, Peggy Hodgson è una donna divorziata che vive con i suoi quattro figli: la tredicenne Margaret, Janet, di undici anni, Johnny, di dieci anni, e Billy, di sette anni. Quando nella loro abitazione si iniziano a verificare strani fenomeni, si convincono che la loro casa sia infestata, rifugiandosi presso i vicini e allertando le autorità. In seguito, su suggerimento di un giornalista, la casa viene sottoposta a un'indagine dalla Society for Psychical Research.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito la miniserie è stata trasmessa in tre puntate da 60 minuti dal 3 al 17 maggio 2015 sul canale pay Sky Living.[2] Negli Stati Uniti è andata in onda dal 9 ottobre 2015 su A&E.[3]

In Italia viene trasmessa il 31 ottobre 2015, in occasione di Halloween, in due puntate da 90 minuti il 31 ottobre 2015.[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Ellen E. Jones sul The Independent ha presentato l'ambientazione della miniserie paragonandola a quella de L'esorcista adattata al nord di Londra, apprezzando particolarmente l'interpretazione di Eleanor Worthington-Cox.[5] Julia Raeside su The Guardian ha giudicato la miniserie come un prodotto di eccellente qualità, ricco di efficaci momenti di paura e interpretazioni superbe.[6] Positiva è stata anche la recensione di Michael Hogan sul Telegraph, che l'ha definita convincente e coinvolgente.[7] Brian Lowry di Variety ha spiegato come la fiction rappresenti più un'indagine psicologica che un horror convenzionale, evidenziando come la sceneggiatura non offra una chiusura ben definita per gli eventi postumi ai presunti fatti soprannaturali. Il critico statunitense ha giudicato la miniserie come un prodotto molto ben eseguito, contrassegnato da un'elevata attenzione per i dettagli e interpretazioni realistiche.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Thomas Burrows, The ghost of Green Street walks again as all-star cast revisit one of Britain's most famous poltergeist cases, in Daily Mail, 8 marzo 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  2. ^ a b (EN) Will Storr, The real story of the Enfield Haunting, in The Telegraph, 3 maggio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  3. ^ (EN) Mannie Holmes, A&E’s Sets ‘The Enfield Haunting’ Premiere Date in October, in Variety, Penske Media Corporation, 28 settembre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  4. ^ Halloween: è festa anche in tv, tra film, magia e speciali dedicati ai più piccoli, in Il secolo XIX, Italiana Editrice, 30 ottobre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  5. ^ (EN) Ellen E. Jones, The Enfield Haunting, review: North London meets The Exorcist in eerie suburban drama, in The Independent, 4 maggio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) Julia Raeside, The Enfield Haunting review: an outstanding chiller of gothic goings-on, in The Guardian, 11 maggio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  7. ^ (EN) Michael Hogan, The Enfield Haunting: 'like The Good Life with ghosts', in The Telegraph, 3 maggio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  8. ^ (EN) Brian Lowry, TV Review: ‘The Enfield Haunting’, in Variety, Penske Media Corporation, 8 ottobre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione