Elezioni parlamentari in Ungheria del 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni parlamentari in Ungheria del 2018
Stato Ungheria Ungheria
Data 8 aprile 2018
Affluenza 70.22% % (Green Arrow Up.svg 8,49% %)
Viktor Orbán 2016-02-17.jpg Gabor vona 2017.png Karácsony Gergely - portrait.jpg
Candidati Viktor Orbán Gábor Vona Gergely Karácsony
Partito Fidesz-NKDP Jobbik Partito Socialista Ungherese
Voti 2.824.206
49.27 %
1.092.669
19.06 %
682.602
11.91 %
Seggi
133 / 199
26 / 199
20 / 199
Differenza % Green Arrow Up.svg 4.40% Red Arrow Down.svg1.16% Red Arrow Down.svg13.66%
Differenza seggi Straight Line Steady.svg 0 Green Arrow Up.svg 3 Red Arrow Down.svg 10
Parlamentswahl in Ungarn 2018.svg
Mappa che mostra i vincitori per singoli distretti
Ministro-Presidente
Viktor Orbán
Left arrow.svg 2014 2022 Right arrow.svg

Le elezioni parlamentari in Ungheria del 2018 si sono tenute l'8 aprile. - Esse hanno riguardato il rinnovo dei 199 componenti dell'Assemblea nazionale.[1]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Liste Proporzionale Maggioritario Totale
seggi
Voti % Seggi Voti % Seggi
2.824.551 49,60 42 2.636.201 47,89 91 133
Insignia Hungary Political Party Jobbik.svg Movimento per un'Ungheria Migliore 1.092.806 19,19 25 1.276.840 23,20 1 26
682.701 11,99 12 622.458 11,31 8 20
Lehet Más a Politika logó.svg La Politica può essere Diversa 404.429 7,10 7 312.731 5,68 1 8
Logo of the Democratic Coalition (Hungary).svg Coalizione Democratica 308.161 5,41 6 348.176 6,33 3 9
Logo of the Momentum Movement.svg Movimento Momentum 175.229 3,08 - 75.033 1,36 - -
Magyar Kétfarkú Kutyapárt logó.svg Partito Ungherese dei Cani a Due Code 99.414 1,75 - 39.763 0,72 - -
Együtt 2018 logo.svg Insieme - Partito per una Nuova Era 37.562 0,66 - 58.591 1,06 1 1
Partito Operaio Ungherese 15.640 0,27 - 13.613 0,25 - -
Partito della Famiglia 10.641 0,19 - 9.839 0,18 - -
Független N.D. 55.612 1,01 1 1
Altri 43.617 0,77 - 55.673 1,01 - -
Totale 5.694.751 86 5.504.530 106 199

Sistema elettorale[modifica | modifica wikitesto]

L'elezione si è tenuta con il sistema introdotto dalla legge del 23 dicembre 2011 n. 203. Essa modificò completamente il sistema elettorale: il numero totale dei seggi nell'Assemblea Nazionale diminuì infatti da 386 a 199.

Dei 199 seggi totali, 106 sono assegnati con un sistema maggioritario a turno unico nei collegi uninominali mentre i residui 93 seggi sono ripartiti con sistema proporzionale tra le coalizione tra le singole liste. La soglia di sbarramento è fissata al 5% per i singoli partiti, mentre le coalizioni debbono raggiungere almeno il 10% per entrare nel parlamento.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Candidature individuali[modifica | modifica wikitesto]

Le candidature individuali determinano un'ulteriore frammentazione delle opposizioni. Dopo la modifica della legge elettorale nel 2011 è diventata più semplice la procedura per candidarsi. Ciascun candidato ha bisogno di raccogliere solo 500 firme per poter essere candidato-deputato nel suo collegio uninominale. Un elettore può votare allo stesso tempo per candidati diversi, ma la candidatura può essere avanzata per un solo partito. Ciascun candidato ha diritto a ricevere un finanziamento pubblico per la campagna elettorale, ma la somma ricevuta dovrà essere rimborsata, qualora il candidato non abbia raggiunto almeno l'1% dei voti.[2]

Le formazioni politiche con cui si presentano i candidati individuali sono stati definiti, in ragione della loro natura e degli scopi dalle stesse perseguiti, "partiti finti". La loro caratteristica tipica è quella di essere attivi solo durante la campagna elettorale, non agendo normalmente nella vita politica del Paese.

Sondaggi[modifica | modifica wikitesto]

I sondaggi sono da aprile 2014 (le ultime elezioni parlamentari) fino alla data attuale. Ogni linea colorata specifica un partito politico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Ungheria va al voto: Orban eroe o semplice populista?, in euronews, 4 aprile 2018. URL consultato il 5 aprile 2018.
  2. ^ 7-8 MILLIÁRD FORINT KERÜLHET A KAMUPÁRTOKHOZ, su alfahir.hu. URL consultato il 4 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]