Economia del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'economia del Portogallo rientra tra le economie meno avanzate dell'Europa.

A partire dal 1974, la nazione ha iniziato la sua modernizzazione in un ambiente stabile, e si è unita alla Comunità economica europea nel 1986. I governi successivi hanno compiuto diverse riforme e privatizzato diverse aziende statali, liberalizzando settori chiave dell'economia, tra cui quello finanziario e quello delle telecomunicazioni. Il Portogallo ha sviluppato un'economia sempre più basata sui servizi, ed è stata nel 1999 una delle dodici nazioni fondatrici dell'euro, valuta che ha adottato il 1º gennaio 2002, assieme ad altri 11 membri dell'Unione europea.

Industrie[modifica | modifica wikitesto]

Situata principalmente a Sines, Setúbal, Lisbona, Porto e Aveiro, l'industria moderna si è sviluppata significativamente, con raffinerie, petrolchimica, cementifici, cantieri navali e industria automobilistica, industria elettrica ed elettronica, macchinari e cartiere. Le principali risorse minerarie sono tungsteno, alluminio e uranio.

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Le risorse boschive coprono circa il 34% della nazione, principalmente pini (1.350.000 ha), querce da sughero (680.000 ha), lecci (534.000 ha), e eucalipti (243.000 ha). Il sughero è un prodotto importante, del quale il Portogallo detiene la metà della produzione mondiale. Grande importanza hanno la coltivazione dell'oliva e della vite, da cui si ricavano celebri vini, tra i quali il Porto.[1]

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Un'altra importante risorsa per il paese è la pesca, che ha dato vita lungo la costa a numerose industrie di lavorazione e conservazione del pesce. Si pescano soprattutto sardine, tonni, guarini (tipico pesce della bottiglioneria) acciughe e merluzzi. Le sardine subiscono il processo di lavorazione maggiore perché vengono anche inscatolate sott'olio o in acqua salata ed esportate. L'industria delle acciughe sotto sale e del tonno sott'olio è fiorente perché il prodotto è molto apprezzato e consumato all'estero.

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Le origini dell'artigianato portoghese sono molto antiche e hanno subito un influsso dai mori. Tra le produzioni caratteristiche, vi sono quelle delle piastrelle di ceramica dette Azulejos, che vengono decorate con disegni bianchi e blu,[1] è inoltre molto nota la tradizione dei classici Bordados (ovvero ricami), soprattutto sull'isola di Madeira, dove, per altro è stato dedicato un museo a quest'antica tradizione nel suo capoluogo, Funchal.

Industrie[modifica | modifica wikitesto]

Le principali industrie in Portogallo sono: raffineria di petrolio, petrolchimica e cemento industrie, macchinari, industria automobilistica e navale, industria elettrica ed elettronica, stampaggio ad iniezione, materie plastiche e della ceramica, tessile, industria calzature e pelletteria, delle bevande e industrie alimentari e mobili, polpa e le industrie della carta, legno e sughero. Automotive e altre industrie meccaniche si trovano principalmente in ed intorno a Setúbal, Porto, Lisbona, Aveiro, Braga e Mangualde. Coimbra e Oeiras sono in crescita le industrie tecnologiche a base, compresi i prodotti farmaceutici e software. Sines ha la più grande raffineria di petrolio del paese ed è un importante centro petrolchimico, così come il porto più trafficato in Portogallo. Maia ha uno dei più grandi parchi industriali del paese, comprese le industrie di trasformazione del legno e dei prodotti alimentari noti. Figueira da Foz e Setúbal sono maggiori centri di pasta di legno e della carta. Marinha Grande è il più reputato centro lavorazione del vetro del Portogallo. Leiria, Oliveira de Azemeis, Vale de Cambra e Viseu, hanno importanti industrie leggere, tra cui lo stampaggio ad iniezione e plastica. Viana do Castelo e Setúbal sono centri di industrie di costruzione navale e riparazione. I moderni non tradizionali industrie basate sulla tecnologia come l'industria aerospaziale, la biotecnologia e la tecnologia dell'informazione, sono stati sviluppati in diverse località in tutto il paese. Alverca, Covilhã, [76] Évora, [77] e Ponte de Sor sono i centri principali di industria aerospaziale portoghese, che è guidato dalla filiale locale della brasiliana Embraer e OGMA. Dal momento che dopo la fine del 21 ° secolo, molte importanti industrie delle biotecnologie e delle tecnologie dell'informazione sono state fondate e sono concentrati nelle aree metropolitane di Lisbona, Porto, Braga, Coimbra e Aveiro.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il settore del turismo riveste un importante ruolo nell'economia lusitana, occupando quasi il 10% della forza lavoro. Questo settore produce il 10% del PIL. Il Portogallo risulta essere il ventesimo paese al mondo più visitato nel 2004.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b www.portogallo.cc
  2. ^ www.amblisbona.esteri.it
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia