Eco (valuta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

     Paesi di WAMZ

     Membri potenziali

Cartellone promozionale per l'ECO - Nei pressi di Kumasi, Ghana

Eco è il nome proposto per la moneta comune che la Zona monetaria dell'Africa occidentale (West African Monetary Zone) ha inizialmente pianificato di introdurre per il 2009 nella struttura dell'ECOWAS. Discordanze e problematiche sorte fra i paesi promotori dell'Eco hanno successivamente posticipato tale data al 2015.[1] Il modello di funzionamento di questa futura valuta africana sarà basato su quello dell'euro e in prospettiva futura raggrupperà sia i paesi della zona CFA sia quelli della Zona monetaria dell'Africa occidentale.

I dieci criteri[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto monetario Africa occidentale (WAMI) ha stabilito dieci criteri che ogni stato che chieda l'ammissione all'Eco deve soddisfare per poter aderire alla valuta unica. Questi criteri sono suddivisi in quattro criteri di convergenza primari e sei criteri di convergenza secondari. Fino all'anno fiscale 2011, solo il Ghana è stato in grado di soddisfare tutti i criteri principali.

I quattro criteri principali sono:

  • Tasso di inflazione ad una sola cifra alla fine di ogni anno
  • Deficit di bilancio non superiore al 4% del PIL
  • Finanziamento del deficit statale da parte della banca centrale non superiore al 10% delle entrate fiscali dell'anno precedente
  • Riserve esterne lorde che possano dare copertura delle importazioni per un minimo di tre mesi

I sei criteri secondari sono:

  • Divieto di nuovi default nazionali
  • Gettito fiscale uguale o superiore al 20 per cento del Pil
  • Massa salariale da tassare pari o inferiore al 35 per cento
  • Investimenti pubblici derivanti dal gettito fiscale pari o superiore al 20 per cento
  • Tasso di cambio reale stabile
  • Tasso di interesse reale positivo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ allAfrica.com: West Africa: Ecowas Targets 2020 for Single Currency

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]