Dragon Quest VII: I guerrieri dell'Eden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dragon Quest VII: I guerrieri dell'Eden
Titolo originale Dragon Warrior VII
Sviluppo Heartbeat, ArtePiazza
Pubblicazione Enix
Serie Dragon Quest
Data di pubblicazione Giappone 26 agosto 2000 (psx), 7 febbraio 2013 (3DS)
Flags of Canada and the United States.svg 1º novembre 2001 (psx)
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 1º novembre 2001
Genere Videogioco di ruolo alla giapponese
Tema Fantasy
Modalità di gioco giocatore singolo
Piattaforma PlayStation, Nintendo 3DS
Fascia di età CERO: A
ESRB: T
Periferiche di input gamepad
Preceduto da Dragon Quest VI: Nel Regno dei Sogni
Seguito da Dragon Quest VIII: L'odissea del re maledetto

Dragon Quest VII: I guerrieri dell'Eden (noto in Nord America come Dragon Warrior VII e in Giappone come Dragon Quest VII: I guerrieri dell'Eden (ドラゴンクエストVII エデンの戦士たち Doragon Kuesuto Sebun Eden no Senshi-tachi?)) è un videogioco di ruolo alla giapponese sviluppato da ArtePiazza e pubblicato da Enix per PlayStation nel 2000. Un remake completamente in 3D (e con alcuni extra) è stato distribuito in Giappone il 7 febbraio 2013 per Nintendo 3DS. Fa parte della popolare serie di videogiochi di ruolo Dragon Quest.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia inizia quando il padre del protagonista tornato da un viaggio, trova un frammento di mappa, grazie a questa mappa il nostro Eroe e il suo migliore amico Kiefer cioè il principe di Estard scoprono che in passato, nel loro mondo non esisteva soltanto l'isola di Estard, infatti, c'erano altri continenti. I due trovano un modo per viaggiare indietro nel tempo e in questo viaggio (dove li seguiranno anche altri personaggi) il loro obbiettivo è quello di ripristinare il mondo alle sue origini e far comparire tutti i continenti. Quando i continenti sono stati tutti ripristinati il Signore dei Demoni, che è il responsabile della scomparsa di tutti i continenti, li fa scomparire di nuovo e solleva nel cielo il suo Palazzo Oscuro, luogo in cui avverrà la battaglia finale contro il Signore dei Demoni.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Dragon Quest VII è meglio conosciuto per le sue enormi dimensioni. Senza completare missioni secondarie del gioco, Dragon Quest VII può richiedere un centinaio di ore o più. In termini di gameplay, non è cambiato molto dai titoli precedenti; le battaglie si combattono nella classica modalità a turni da una prospettiva in prima persona. Le sequenze di battaglia non sono state rese in 3D, bensì sono raffigurate in 2D. È stata inserita la capacità di parlare con i personaggi del gruppo all'interno e al di fuori di battaglie. Essi offrono consigli su strategie di battaglia e punti della trama, o semplicemente commentare come si sentono in un dato momento. Ci sono quattro modi e mezzi di locomozione: piedi, in barca, tappeto magico e con la SkyStone. Ognuno di questi può muoversi su un terreno diverso. Come la maggior parte degli altri titoli, questo gioco ha diversi mini-giochi come quello nella Città Immigrant, dove il giocatore può reclutare persone da varie città per poi farle trasferire li ad Immigrant, che cambia a seconda del tipo di persone che ci vivono (ad esempio diversi commercianti porteranno più negozi per la città). Una caratteristica di rilievo nella maggior parte dei giochi di Dragon Quest è il casinò. Poker, slot machines, e altri vari giochi possono essere riprodotti in Dragon Quest VII.


Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]