Domenico Oliva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore, vedi Domenico Oliva (calciatore).
Domenico Oliva
Domenico Oliva.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XX (1897-1900)
Collegio Parma II
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Domenico Oliva (Torino, 1º giugno 1860Genova, 28 aprile 1917) è stato un giornalista, politico e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua famiglia ha origini napoletane. Si laurea in giurisprudenza all'Università di Parma, poi esercita l'avvocatura a Milano.

Nel capoluogo meneghino frequenta anche l'ambiente letterario. Nel 1888 è accolto al Corriere della Sera come critico letterario e commentatore politico. Nel 1890 collabora con Marco Praga alla stesura del libretto di Manon Lescaut per Puccini, in seguito terminato da Luigi Illica.

Nel 1897 si candida al Parlamento per la Destra, risultando eletto a Parma. Le sue Lettere di un giovane deputato vengono pubblicate sul settimanale a grande diffusione L'Illustrazione Italiana. L'anno seguente è il successore di Torelli Viollier alla direzione del Corriere, ma rimane stabilmente a Roma, preferendo seguire da vicino i lavori parlamentari. Nell'anno 1900 perde sia la carica di direttore, sia quella di deputato.

Grazie ai contatti con i politici Antonio Salandra e Sidney Sonnino, entra fin dal primo numero al quotidiano Giornale d'Italia, fondato nella capitale nel 1901. Oliva svolge mansioni di editorialista nonché di critico teatrale e letterario. Tiene una propria rubrica, «Note letterarie», dal 1901 al 1913.

Nel 1910 è tra i fondatori dell'Associazione Nazionalista Italiana. Nel 1913 lascia il Giornale d'Italia, in disaccordo con la linea neutralista decisa dagli editori, e passa a L'Idea Nazionale, organo dell'Associazione Nazionalista. Nel 1915 ne diventa direttore.

La morte lo coglie all'improvviso all'età di 57 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia
  • Pietas (Parma, 1880)
  • Poesie (Milano, 1889)
  • Il ritorno (Milano, 1895)
Teatro
  • Robespierre (Galli, Milano, 1897 - rappresentato nel 1911)
Raccolte di articoli
  • Note di uno spettatore (Zanichelli, Bologna, 1911)
  • Il teatro in Italia nel 1909 (Quintieri, Milano, 1911)
Saggi e studi
  • Il San Sebastiano e le Canzoni d'oltremare di Gabriele D'Annunzio (Ricciardi, Napoli,1913)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del Corriere della Sera Successore
Eugenio Torelli Viollier 5 giugno 1898 - 23 maggio 1900 Luigi Albertini
Predecessore Direttore de L'Idea Nazionale Successore
Roberto Forges Davanzati dal 1915 fino alla morte (28 aprile 1917) Comitato di direzione
Controllo di autorità VIAF: (EN46893982 · LCCN: (ENn83187584 · SBN: IT\ICCU\LO1V\090547 · ISNI: (EN0000 0001 0857 2327 · GND: (DE119481448 · BNF: (FRcb12993160q (data) · NLA: (EN35756671 · BAV: ADV11046129