Diocesi di Islamabad-Rawalpindi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Islamabad-Rawalpindi
Dioecesis Islamabadensis-Ravalpindensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Lahore
Arcivescovo
(titolo personale)
Joseph Arshad
Sacerdoti 35 di cui 31 secolari e 4 regolari
5.207 battezzati per sacerdote
Religiosi 19 uomini, 112 donne
Abitanti 38.236.000
Battezzati 182.273 (0,5% del totale)
Superficie 178.341 km² in Pakistan
Parrocchie 21
Erezione 6 luglio 1887
Rito romano
Cattedrale San Giuseppe
Indirizzo Tameezuddin Church Rd., Lalkurthi, Rawalpindi Cannt. 46000, Pakistan
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Pakistan

La diocesi di Islamabad-Rawalpindi (in latino: Dioecesis Islamabadensis-Ravalpindensis) è una sede della Chiesa cattolica in Pakistan suffraganea dell'arcidiocesi di Lahore. Nel 2016 contava 182.273 battezzati su 38.236.000 abitanti. È retta dall'arcivescovo (titolo personale) Joseph Arshad.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la parte settentrionale del Pakistan.

Sede vescovile è la città di Rawalpindi, dove si trova la cattedrale di San Giuseppe.

Il territorio è suddiviso in 21 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prefettura apostolica di Kafiristan e Kashmir fu eretta il 6 luglio 1887, ricavandone il territorio dalla diocesi di Lahore (oggi arcidiocesi).

Il 22 maggio 1913 la prefettura apostolica divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Simla (oggi arcidiocesi di Delhi).

Il 10 luglio 1947 in virtù della bolla Prisca et communis di papa Pio XII la prefettura apostolica fu elevata al rango di diocesi e assunse il nome di diocesi di Rawalpindi.

Il 15 luglio 1950 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Karachi.

Il 17 gennaio 1952 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di Kashmir e Jammu (oggi diocesi di Jammu-Srinagar).

Il 1º giugno 1979 ha assunto il nome attuale.[1]

Il 23 aprile 1994 è divenuta suffraganea dell'arcidiocesi di Lahore.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dominic Wagenaar, M.H.M. † (13 marzo 1900 - 1915 deceduto)
  • Robert J. Winkley, M.H.M. † (14 ottobre 1916 - 1º novembre 1930 deceduto)
    • Sede vacante (1930-1934)
  • Joseph Patrick O'Donohoe, M.H.M. † (26 gennaio 1934 - 1947 deceduto)
  • Nicholas Hettinga, M.H.M. † (24 luglio 1947 - 26 dicembre 1973 deceduto)
  • Simeon Anthony Pereira (17 dicembre 1973 - 22 marzo 1993 nominato arcivescovo coadiutore di Karachi)
  • Anthony Theodore Lobo † (28 maggio 1993 - 18 febbraio 2010 dimesso)
  • Rufin Anthony † (18 febbraio 2010 succeduto - 17 ottobre 2016 deceduto)
    • Joseph Arshad (12 novembre 2016 - 8 dicembre 2017 nominato arcivescovo, titolo personale) (amministratore apostolico)
  • Joseph Arshad, dall'8 dicembre 2017

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 38.236.000 persone contava 182.273 battezzati, corrispondenti allo 0,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 12.821 12.000.000 0,1 37 1 36 346 103 16
1970 37.344 14.000.000 0,3 42 3 39 889 48 124 20
1980 75.145 24.520.000 0,3 37 12 25 2.030 33 96
1990 105.681 36.047.000 0,3 33 13 20 3.202 26 103
1999 135.328 35.000.000 0,4 26 17 9 5.204 18 113 21
2000 171.800 35.000.000 0,5 27 18 9 6.362 16 99 19
2001 248.190 35.000.000 0,7 29 20 9 8.558 15 104 18
2002 248.696 35.000.000 0,7 31 22 9 8.022 14 104 18
2003 276.776 35.000.000 0,8 28 26 2 9.884 7 103 18
2004 168.135 35.000.000 0,5 16 14 2 10.508 6 109 18
2006 174.208 36.522.000 0,5 20 14 6 8.710 15 118 18
2013 195.000 35.995.000 0,5 36 31 5 5.416 24 104 20
2016 182.273 38.236.000 0,5 35 31 4 5.207 19 112 21

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AAS 71 (1979), pp. 954-955.
Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi