Diocesi di Ambanja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Ambanja
Dioecesis Ambaniaënsis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Antsiranana
Sede vacante
Vescovi emeriti Ferdinand Botsy, O.F.M.Cap.
Sacerdoti 60 di cui 26 secolari e 34 regolari
2.552 battezzati per sacerdote
Religiosi 49 uomini, 169 donne
Abitanti 2.330.000
Battezzati 153.160 (6,6% del totale)
Superficie 34.083 km² in Madagascar
Parrocchie 17
Erezione 4 settembre 1848
Rito romano
Cattedrale San Giuseppe
Indirizzo Evêché, B.P. 1, Ambanja 203, Madagascar
Dati dall'Annuario pontificio 2019 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Madagascar

La diocesi di Ambanja (in latino: Dioecesis Ambaniaënsis) è una sede della Chiesa cattolica in Madagascar suffraganea dell'arcidiocesi di Antsiranana. Nel 2018 contava 153.160 battezzati su 2.330.000 abitanti. La sede è vacante.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la città di Ambanja, sede della cattedrale di San Giuseppe.

Il territorio si estende su 34.083 km² ed è suddiviso in 17 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prefettura apostolica delle Isole di Mayotte, Nossi-bé e Comore fu eretta il 4 settembre 1848, ricavandone il territorio dalla prefettura apostolica del Madagascar (oggi arcidiocesi di Antananarivo). Inizialmente la prefettura fu affidata ai missionari della Compagnia di Gesù; nel 1879 subentrarono gli Spiritani.

Il 2 febbraio 1932, in forza del breve Supremi apostolatus di papa Pio XI, la prefettura apostolica si ingrandì acquisendo parte della terraferma già appartenuta alla prefettura apostolica di Diego Suarez (oggi arcidiocesi di Antsiranana).

Il 14 giugno 1938, con il decreto Cum appellatio della Congregazione di Propaganda Fide, assunse il nome di prefettura apostolica di Ambanja.

L'8 marzo 1951 la prefettura apostolica fu elevata a vicariato apostolico con la bolla Ad potioris dignitatis di papa Pio XII.

Il 14 settembre 1955 il vicariato apostolico è stato elevato a diocesi con la bolla Dum tantis dello stesso papa Pio XII. Contestualmente la nuova diocesi fu resa suffraganea dell'arcidiocesi di Tananarive.

Nel 1958 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Antsiranana.

Il 5 giugno 1975 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione dell'amministrazione apostolica delle Isole Comore (oggi vicariato apostolico).

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi nel 2018 su una popolazione di 2.330.000 persone contava 153.160 battezzati, corrispondenti al 6,6% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 9.138 365.592 2,5 23 23 397
1959 14.148 405.688 3,5 32 1 31 442
1970 21.152 562.369 3,8 40 2 38 528 55 63 1
1980 26.094 469.000 5,6 31 5 26 841 42 74 1
1990 38.024 582.000 6,5 25 4 21 1.520 32 72 20
1997 60.157 673.000 8,9 50 27 23 1.203 56 95 12
2000 65.000 790.000 8,2 50 31 19 1.300 53 69 12
2001 67.815 825.000 8,2 52 29 23 1.304 38 71 12
2002 74.596 907.500 8,2 54 29 25 1.381 37 83 12
2003 82.056 998.250 8,2 60 36 24 1.367 36 86 12
2004 90.262 1.098.075 8,2 56 34 22 1.611 45 151 12
2006 109.217 1.241.000 8,8 50 31 19 2.184 38 166 12
2012 142.112 1.471.000 9,7 77 34 43 1.845 62 157 13
2015 150.100 1.990.000 7,5 62 29 33 2.420 47 159 14
2018 153.160 2.330.000 6,6 60 26 34 2.552 49 169 17

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Prefetto apostolico, senza dignità vescovile. Annuario Pontificio online.
  2. ^ Annuaire pontifical catholique, 1899, p. 235.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]