Delphinium emarginatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Speronella smarginata
Delphinium emarginatum.jpg
Delphinium emarginatum
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni basali
Ordine Ranunculales
Famiglia Ranunculaceae
Sottofamiglia Glaucidoideae
Tribù Delphinieae
Genere Delphinium
Specie D. emarginatum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Magnoliidae
Ordine Ranunculales
Famiglia Ranunculaceae
Sottofamiglia Glaucidoideae
Tribù Delphinieae
Genere Delphinium
Specie D. emarginatum
Nomenclatura binomiale
Delphinium emarginatum
J.Presl & C.Presl, 1822

Delphinium emarginatum (J.Presl & C.Presl, 1822), comunemente nota come speronella smarginata, è una pianta appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, endemica della Sicilia[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

D. emarginatum è una specie endemica della Sicilia occidentale (distretto drepano-panormita)[1], presente sul Monte Cofano, sul monte Erice, allo Zingaro e sul Monte Gallo, ma è diffusa anche in alcune stazioni in Calabria e a Malta.
La sottospecie D. emarginatum subsp. nevadense è invece originaria della penisola iberica e del Maghreb[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Al momento, oltre alla pianta in sé, è accettata una sola sottospecie:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Delphinium emarginatum C.Presl, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  2. ^ a b (EN) Delphinium emarginatum subsp. nevadense (Kunze) C.Blanché & Molero, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 5 febbraio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 8850624492
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 052108489X

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica