Defrutum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Defrutum
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
DiffusioneRoma antica
Dettagli
Categoriacondimento
Ingredienti principalimosto
 

Il defrutum era un condimento a base di mosto ridotto utilizzato dai cuochi di Roma antica[1]; assieme al garum era una delle salse più usate nella preparazione di ogni sorta di pietanza.

Modalità di preparazione e usi[modifica | modifica wikitesto]

Il defrutum era ottenuto da un lungo processo di bollitura: in grosse caldaie veniva posto il succo o il mosto d'uva che andava via via concentrandosi a seguito della cottura e dell'evaporazione del liquido. Il defrutum era pronto quando la quantità di liquido arrivava a circa metà del livello originale e la concentrazione in zucchero raggiungeva un tenore adeguato.

A volte veniva realizzata una seconda bollitura che portava ad un ulteriore restringimento del defrutum ottenendo un composto viscoso e dolcissimo denominato sapa (ancora oggi in alcune regioni è possibile mangiare dolci a base di sapa, cioè mosto cotto e concentrato)[2].

L'uso culinario principale del defrutum era la dolcificazione del vino[3]. Veniva utilizzato nella preparazione di pietanze a base di carne sia singolarmente (conferendo all'alimento un leggero gusto agrodolce) ma anche in associazione con altri condimenti: veniva spesso mescolato in proporzioni variabili con il garum dando origine alla popolare salsa oenogarum. Dato l'elevato tenore zuccherino, veniva impiegato nella preparazione di marmellate e conserve a base di mele cotogne e melone (spesso date in dotazione al singolo soldato delle legioni romane come fonte supplementare di energia).

Molteplici gli usi secondari: alcune donne romane facevano del defrutum una sorta di maschera cosmetica per il viso, aggiungendovi qualche goccia di essenze vegetali, petali o frutta. Alcuni allevatori, soprattutto di volatili, aggiungevano all'alimentazione quotidiana dei loro animali piccole quantità di defrutum per migliorare il gusto delle loro carni.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi i frammenti che ci sono pervenuti. La maggior parte di essi sono estratti da semplici taccuini, ricettari come il De re coquinaria (L'arte culinaria) di Marco Gavio Apicio, o resoconti di attività domestiche. Ad esempio, Catone il Censore discute sulla concentrazione ideale di zucchero nel defrutum, si esprime a favore dell'uso di caldaie non metalliche, poiché in queste ultime il defrutum modifica il proprio sapore e tende ad assumere un retrogusto metallico.

Effetti clinici[modifica | modifica wikitesto]

In antichità il defrutum poteva causare pericolosi avvelenamenti da piombo che poteva manifestarsi con delirio, confusione e altri problemi psichiatrici e fisici. Al tempo non si conosceva la pericolosità di questo materiale e spesso veniva preferito bollirlo in taniche fatte di piombo. Si pensa possa essere stato una delle cause della pazzia dell'imperatore romano Caligola e di altri suoi omologhi, essendo spesso questi degli alcolisti che allungavano il vino con questa salsa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sapa, Mosto e Vino cotto, su taccuinistorici.it. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  2. ^ Antonio Persio, Del bever caldo costumato dagli antichi Romani, su books.google.it. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  3. ^ Mosto cotto, ficotto e sapa, su AIFB. URL consultato il 21 febbraio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]